Tracciato in via di definizione. Pronta l’alternativa nel caso permanesse l’assenza di precipitazioni

Cortina d’Ampezzo (Belluno) – Dobbiaco (Bolzano), 19 gennaio 2016 – Inizia il conto alla rovescia per la 39. edizione della Dobbiaco-Cortina, la granfondo che dal 1977 scrive pagine importanti della storia dello sci di fondo internazionale. L’edizione 2016 si disputerà sabato 13 febbraio (la prova in tecnica classica, inserita nel circuito Visma Ski Classic – The long distance ski championship) e domenica 14 febbraio (la prova in tecnica libera).

Come su tutto l’arco alpino, anche tra Ampezzo e Pusteria la neve si sta ancora facendo attendere in questo arido inverno. L’assenza di precipitazioni e la mancanza di neve naturale non pregiudicheranno comunque la disputa dell’evento.

«Il 13 e 14 febbraio la Dobbiaco-Cortina si disputerà regolarmente – spiega Herbert Santer, vicepresidente del comitato organizzatore -. La speranza è che a breve nevichi e che, dunque, si possa allestire i due tracciati originari. Se così non dovesse essere, abbiamo pronti due percorsi alternativi, entrambi di 30 chilometri. Li stiamo definendo nei dettagli e nei prossimi giorni, dovesse permanere la situazione meteo attuale, provvederemo a dare loro forma completa con neve riportata. Le condizioni dei tratti innevatisono del resto già perfette».

Per quanto riguarda le iscrizioni, la novità dell’edizione 2016 è che esse non saranno più possibili nei giorni della gara. Saranno possibili, esclusivamente on line sul sito www.dobbiacocortina.org, fino alla mezzanotte dell’8 febbraio.