La fatica al femminile nell’ultra trail. Due serate di approfondimento con Dxt

Dolomiti Extreme Trail, l’evento podistico in programma dal 10 al 12 giugno prossimi in Val di Zoldo, tra le Dolomiti Bellunesi patrimonio mondiale dell’umanità Unesco, inizia il 2016 con due incontri di approfondimento. Il titolo è “La fatica al femminile nell’ultra trail” e protagoniste saranno alcune atlete che hanno dato vita alle prime tre edizioni. Tra queste, Federica Boifava, prima donna 2014e vincitrice assoluta 2015, Stefania Zanon, seconda nel 2013, terza nel 2014 e quarta nel 2015, Angela De Poi, quinta nel 2015, e le atlete zoldane Martina Brustolon ed Emilia Campo. Interverrà anche Sergio Sartori, preparatore atletico.

La prima serata è in programma per domenica 3 gennaio alla sala polifunzionale di Fusine di Zoldo Alto, con inizio alle 20.30. La seconda, invece, si terrà al Taulà dei Bos di Cibiana di Cadore lunedì 4 gennaio, sempre con inizio alle 20.30. Scelta non casuale quella di Cibiana: l’edizione 2016, infatti, proporrà un nuovo tracciato, di 103 chilometri, che attraverserà proprio il comune di Cibiana, transitando in particolare in cima al Monte Rite, vero e proprio “balcone” che propone una vista a 360 gradi sulle Dolomiti, luogo nel quale Reinhold Messner ha realizzato uno dei suoi “musei sulle nuvole”.

La Dolomiti Extreme Trail 2016, che oltre al 103K proporrà anche il 53K e il 23K, viaggia intanto verso le 500 iscrizioni. Un bel successo a giusto un mese dall’apertura delle iscrizioni. Le nazioni presenti sono già 28: quelle più numerose sono la Spagna, con 54 iscritti, l’Olanda, con 33, la Francia con 20 e la Gran Bretagna con 20. Tra i paesi rappresentati ci sono anche Brasile, Norvegia, Russia e Australia.

Per tutto il primo mese, e cioè fino al 31 dicembre, la quota di adesione sarà di 129 euro per il 103K, di 79 euro per il 53K e di 29 euro per il 23K. Dall’1 gennaio ci sarà una maggiorazione nelle quote.

Per tutti i dettagli: www.dolomitiextremetrail.com.