Trofeo Città di Belluno

Coppa del Mondo di paracadutismo, atterraggio di precisione.

Comunicati Stampa

La Repubblica Ceca davanti a tutti nella 30. edizione del Trofeo Città di Belluno

Belluno, 11 agosto 2019 – Erano i favoriti della vigilia e hanno mantenuto fede alle attese. Jiri Gecnuk, Hynek Tabor, Miloslav Kriz, Bonifac Hajek e Oldrich Sorf, portacolori della squadra militare della Repubblica Ceca, hanno conquistato la 30. edizione del “Trofeo Città di Belluno”, evento valido quale quarto appuntamento delle World Cup Series 2019, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione, e andato in scena all’aeroporto Arturo Dell’Oro di Belluno da venerdì 9 a domenica 11 agosto.

In testa fin dalla prima giornata, i cechi hanno saputo resistere prima al ritorno delle squadre italiane, poi a quello della formazione ungherese, vincitrice lo scorso anno. Alla fine, la squadra ceca ha avuto la meglio per appena 7 centimetri. Piazza d’onore per la squadra dll’esercito ungherese (Tamas Banszki, Szabolcs Gal, Tamas Varga, Gabor Hirschler, Istvan Asztalos) e terzo posto per la squadra mista delle forze armate italiane (Fabrizio Mangia, Alessandro Ruggeri, Marco Pizziconi, Giuseppe Tresoldi, Fabio Filippini). Vittoria delle Bielorussia tra i team femminili.
A livello individuale, successo per il veterano italiano Giusepe Tresoldi, sempre protagonista a Belluno e, in carriera, capace di vincere quattro titoli di campione del mondo nella precisione in atterraggio a squadre, 4 medaglie d’argento, 2 medaglie di bronzo, 10 titoli italiani. Tra le donne successo per Michaela Mynarova, della Repubblica Ceca.

48 squadre, 26 nazioni rappresentate, 250 atleti, tre giornate di gare, oltre 1500 lanci. Il Trofeo Città di Belluno è stato, ancora una volta, un successo.
«Questa trentesima edizione è stata spettacolare» dicono Corrado Marchet e Daniele Varago, rispettivamente coordinatore dell’evento e presidente di Paracadutismo Belluno. «In questi trent’anni abbiamo messo su un mattone alla volta per arrivare a proporre un evento e un’organizzazione che tutti ci invidiano. Abbiamo tante persone che lavorano con passione e che rendono possibile tutto ciò».
belluno2019_8_absolute female athletes classification.html

belluno2019_8_absolute male athletes classification.html

belluno2019_8_junior athletes classification.html

belluno2019_8_master athletes classification.html

belluno2019_8_teams.html
podio team donne - 30. trofeo città di belluno

podio team uomini - 30. trofeo città di belluno
Team Italia Cism 1IMG_6801IMG_6793Team Rep. Ceca Military 1Team Ungheria

Il Trofeo Città di Belluno celebra la 30. edizione

Belluno, 5 agosto 2019 – Tutto pronto per la tre giorni dell’edizione 2019 del “Trofeo Città di Belluno”, evento proposto all’aeroporto “Arturo Dell’Oro” dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valido per World Cup Series, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione. Si tratta di un evento che costituisce un appuntamento fisso e atteso dell’estate bellunese: quella che andrà in scena nei prossimi giorni è infatti l’edizione numero 30. Dalla mattinata di venerdì 9 al primo pomeriggio di domenica 11 agosto, saranno 250 gli atleti che si sfideranno. Una cinquantina le formazioni al via, in rappresentanza di una ventina di paesi. Un evento, il “Trofeo Città di Belluno”, che è diventato un punto fisso del calendario e che costituisce, oltre che una manifestazione sportiva di alto livello, anche un’opportunità promozionale importante per il territorio. La manifestazione vivrà uno spettacolare momento di presentazione giovedì, 8 agosto, in Piazza dei martiri in centro a Belluno, durante l’iniziativa Belluno di Sera – I giovedì.
«Secondo tutti gli atleti è una delle gare più belle del mondo, tutti i concorrenti apprezzano l’organizzazione e ci invidiano il panorama» dice Corrado Marchet, coordinatore dell’organizzazione. «Anche quest’anno abbiamo registrato il tutto esaurito e, anzi, abbiamo dovuto rifiutare qualche iscrizione perché avevamo raggiunto il tetto massimo che ci eravamo prefissati. È una grande soddisfazione questo attaccamento che il mondo del paracadutismo dimostra verso Belluno».

Per maggiori informazioni: http://www.parawcs.com/belluno/


Vittoria all’ultimo lancio per l’Ungheria. Italia seconda

Belluno, 29 luglio 2018 – Tre giorni di gara, 42 squadre, 17 nazioni, 250 atleti, 1680 lanci. È questa la sintesi del Trofeo città di Belluno, evento proposto dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valido quale quarta tappa delle World Cup Series, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione. La manifestazione, che tradizionalmente si svolgeva a metà agosto, per esigenze di calendario internazionale ha anticipato quest’anno di due settimane, andando in scena da venerdì 27 a domenica 29 luglio.

A vincere al termine della tre giorni sui cieli dolomitici è stata la squadra dell’esercito ungherese, team leader delle World Cup Series dopo i primi tre appuntamenti (Rijeka – Croazia, Bled – Slovenia, Peeiting – Germania). Ma la vittoria dei magiari non è stata facile, tutt’altro: la gara è stata in bilico fino alla settima serie di lanci, al termine della quale Ungheria e Italia erano appaiate. La competizione si è decisa all’ottava serie, con Ungheria brava a salire sul primo gradino del podio ai danni dell’Italia, formazione composta da Francesco Gullotti, Paolo Filippini, Claudio Carbone, Vittorio Guarinelli e Giuseppe Tresoldi. Sul terzo gradino del podio la squadra militare della Repubblica Ceca.

Tra i team femminili, successo per Austria ladies davanti a Sky Roses Bulgaria e Italia. A livello individuale, vittoria per il tedesco Stefan Wiesner nella graduatoria assoluta maschile, per la slovena Maja Sajovic nella graduatoria assoluta femminile, per il ceko Jiri Gecnuk tra i Master (con il bellunese Corrado Marchet, coordinatore tecnico del Trofeo Città di Belluno, terzo), per un altro ceko, Petr Chladek, nella graduatoria Juniores.

«Secondo tutti gli atleti è una delle gare più belle del mondo, tutti i concorrenti apprezzano l’organizzazione e ci invidiano il panorama» commenta Daniele Varago, presidente Asd Paracadutismo Belluno. «È una grande soddisfazione avere avuto al via 42 squadre, da 17 nazioni (Austria, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Oman, Polonia, Qatar, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Svizzera, Ungheria ndr). Siamo alla ventinovesima edizione del Trofeo Città di Belluno ma già stiamo pensando all’edizione numero 30. Grazie a tutti coloro che rendono possibile questo evento».

«È stata una bellissima competizione, con condizioni atmosferiche selettive che hanno messo a dura prova tutti i concorrenti» commenta Paolo Bevilacqua, responsabile della nazionale azzurra. «Per quanto riguarda l’Italia, abbiamo fatto un ottimo secondo posto, siamo stati in gara fino all’ultimo salto e abbiamo perso per un nulla. È una prestazione che ci dà morale per i Mondiali che si svolgeranno tra una quindicina di giorni: andiamo in Bulgaria per essere protagonisti».

Per il dettaglio delle classifiche o approfondimenti: www.parawacs.com oppure www.skydivebelluno.it.
trofeo città di belluno 29.07.2018 - podio team maschile

trofeo città di belluno 29.07.2018 - uno dei lanci italiani
trofeo città di belluno 29.07.2018 - uno dei lanci svizzeri

Il Trofeo Città di Belluno anticipa a fine luglio

Belluno, 16 luglio 2018 – Cambia data il “Trofeo Città di Belluno”, evento proposto dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valido quale quarta tappa delle World Cup Series, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione. La manifestazione, che tradizionalmente si svolgeva a metà agosto, per esigenze di calendario internazionale quest’anno anticiperà di due settimane: si svolgerà dunque da venerdì 27 a domenica 29 luglio.

Il cambio di data non ha inciso sul gradimento della manifestazione: anche per questo 2018, infatti, il “Trofeo città di Belluno” ha fatto registrare il pieno di concorrenti: saranno al via 45 formazioni e 250 atleti, in rappresentanza di 17 nazioni: Austria, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Oman, Polonia, Qatar, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Svizzera, Ungheria.

«Non possiamo che essere soddisfatti: ancora una volta abbiamo fatto registrare il tutto esaurito e, a malincuore, dovuto dire di no a qualche squadra»commenta il coordinatore dell’organizzazione, Corrado Marchet. «Nonostante l’anticipo di data e il periodo di grande intensità del calendario – nel giro di una ventina di giorni ci sono Mondiali in Bulgaria e il Campionato del mondo militare in Ungheria – Belluno si è confermata appuntamento di grande richiamo. Saranno tre giorni di spettacolo ed emozioni, con tante squadre che potranno giocarsi il successo finale. Sarà, come sempre, anche una bella occasione di valorizzazione del territorio. Tanti saranno i concorrenti che si fermeranno per diversi giorni: ad esempio i ragazzi del Qatar, che si alleneranno all’ “Arturo Dell’Oro” nelle due settimane precedenti l’evento»

Ulteriori informazioni: www.parawacs.com oppure www.skydivebelluno.it.


Trofeo Città di Belluno, 45 squadre al via

Belluno, 9 agosto 2017 – Tutto pronto all’aeroporto “Arturo Dell’Oro” di Belluno per la tre giorni dell’edizione 2017 del “Trofeo Città di Belluno”, evento proposto” dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valido quale quarta tappa delle World Cup Series, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione. Un intero fine settimana di sport spettacolo che colorerà i cieli bellunesi da venerdì 11 a domenica 13 agosto.
A confrontarsi saranno 45 formazioni e 250 atleti, in rappresentanza di 18 nazioni: Argentina, Austria, Bielorussia, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Ungheria,
«Quest’anno mancano i paesi arabi ma abbiamo la grande novità rappresentata dall’Argentina» spiega Corrado Marchet, presidente dell’Associazione paracadutismo Belluno. «Abbiamo fatto il pieno di iscrizioni, come ormai tradizione, e questo non può che farci piacere. Anche il livello tecnico sarà in linea con il passato, vale a dire sarà elevato. Un grazie particolare all’Aero Club Belluno, ai giudici, ai meccanici e a tutti i piloti. E un grazie anche a tutti gli atleti che hanno scelto così numerosi ancora una volta Belluno. Diversi stanno provando i lanci già da qualche giorno: da venerdì sarà spettacolo puro con la 28.ma edizione di un evento che costituisce un’ importante occasione di sport ma anche di promozione del territorio».
Ulteriori informazioni: www.parawcs.com/belluno oppure www.skydivebelluno.it.


Trionfo finale per la Bielorussia

Belluno, 14 agosto 2016 – Bielorussia in trionfo nella 27.ma edizione del “Trofeo Città di Belluno”, evento proposto dal 12 al 14 agosto all’aeroporto “Arturo Dell’Oro” dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valido quale terza tappa delle World Cup Series, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione. Chiusa la prima giornata (tre manche) in terza posizione, la Bielorussia ha recuperato nella seconda (quattro manche) fino ad installarsi in vetta alla classifica. Nell’ottava e conclusiva manche ha conservato la leadership, andando a vincere una competizione dagli elevati contenuti tecnici. Un successo che ha reso Anton Gurinovich, Oleg Fomin, Ilia Pozdniakov, Anton Bistrov e Yuri Rakovich felicissimi: era la prima volta che gareggiavano a Belluno e hanno esordito con il botto. Anche perché oltre a imporsi a squadre hanno vinto anche la graduatoria individuale con Anton Gurinovich. Piazza d’onore per la squadra militare della Repubblica Ceca, team formato da Libor Jirousek, Jiri Gecnuk, Hynek Tabor, Miloslav Kriz e Oldrich Sorf. Sul terzo gradino del podio Italia 2 che schierava Luigi Conga, Fabrizio Mangia, Paolo Filippini, Vittorio Guarinelli e Daniele Bianchi. Italia 3 (Alessandro Binello, Alessandro Ruggeri, Stefano Corradini, Fabio Filippini, Daniele Viel) in quarta posizione.
Per quanto riguarda la graduatoria femminile, vittoria delle francesi dell’Angels airbus group sull’Austria ladies team e sulla formazione mista Italia-Polonia.
Relativamente alle graduatorie individuali, in ambito maschile il bielorusso Anton Gurinovich si è imposto sul tedesco Stefan Wiesner e sullo sloveno Domen Vodisek, mentre tra le ragazze si è registrata la supremazia di Cheryl Stearns, statunitense dell’Austria ladies team, in testa già al termine della prima giornata. Secondo e terzo posto rispettivamente per la slovena Maja Sajovic e per la francese Deborah Ferrand.
Nella graduatoria Master e in quella Juniores, infine, successi per l’azzurro Paolo Filippini e per il ceko Petr Chladek.
«Archiviamo un’altra edizione da incorniciare» commenta Corrado Marchet, presidente dell’Associazione paracadutismo Belluno del Trofeo Città di Belluno. «Le tre giornate di sole e caldo ci hanno dato la possibilità di svolgere il programma al meglio e hanno richiamato un pubblico numeroso. Abbiamo avuto 24 nazioni presenti, per un totale di 45 formazioni: per garantire logistica e servizi al top abbiamo dovuto dire no a qualche formazione, altrimenti avremmo avuto al via una sessantina di team. A conferma che la tappa di Belluno è una delle più attese. Dal punto di vista tecnico i contenuti sono stati elevati e a vincere è stata una delle nazioni di riferimento mondiale, la Bielorussia, per la prima volta a Belluno. Emozionanti sono state tutte e tre le giornate ma soprattutto l’ultima, con la vittoria decisa davvero per una questione di pochissimi centimetri. Mi piace sottolineare come il nostro evento, reso possibile dalle sinergia dall’Associazione paracadutismo Belluno e dell’Aeroclub Belluno, oltre che dalla collaborazione di tanti volontari, sia anche un modo di fare turismo. Un solo esempio: la squadra del Qatar si ferma ad allenarsi a Belluno per venti giorni».
Per tutti i dettagli: http://www.parawcs.com/belluno
Qui intervista a Corrado Marchet.
absolute female athletes Classification finalemaster athletes classification finalejunior Athletes Classification finaleteams classification finaleabsolute male athletes Classification finaleFemale teams Classification Belluno 2016 final (1)


Dopo la seconda giornata comanda la Bielorussia

Belluno, 13 agosto 2016 – Bielorussia in testa al termine della seconda giornata della 27.ma edizione del “Trofeo Città di Belluno”, evento proposto all’aeroporto “Arturo Dell’Oro” dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valido quale terza tappa delle World Cup Series, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione. Dopo le prima tre manche di venerdì 12, sabato 12 sui cieli del capoluogo dolomitico sono andate in scena altre quattro manche. E la Bielorussia, una delle nazioni di riferimento del panorama mondiale, terza dopo la prima giornata, è balzata al comando al termine della seconda. Il via alle 8 con Italia e la nazionale italiana al comando. Poi a metà giornata, dopo cinque manche complessive, a guidare c’era la Repubblica Ceca team militare davanti a tre formazioni azzurre (Italia 3, nazionale italiana e Italia 2) e alla Bielorussia. Nel pomeriggio il sorpasso dei bielorussi che ora guidano con 43 centimetri davanti a due formazioni italiane: Italia 2 (Luigi Conga, Fabrizio Mangia, Paolo Filippini, Vittorio Guarinelli, Daniele Bianchi) con 46 centimetri e la nazionale italiana (Francesco Gullotti, Claudio Carbone, Marco Pizziconi, Giuseppe Tresoldi, Massimo Agnellini) con 47 centimetri. In quarta posizione c’è un’altra formazione azzurra, Italia 3 (Alessandro Binello, Alessandro Ruggeri, Stefano Corradini, Fabio Filippini, Daniele Viel) che divide il piazzamento provvisorio insieme alla Repubblica Ceca team militare (49 centimetri). In testa alla classifica femminile a squadre ci sono le francesi dell’Angels airbus group. Piazza d’onore provvisoria per l’Austria ladies team.

A livello individuale, sempre per quanto riguarda le donne, c’è Cheryl Stearns, statunitense dell’Austria ladies team che era in testa già al termine della prima giornata. Un tandem invece guida la classifica maschile: si tratta dell’azzurro Paolo Filippini e del tedesco Stefan Wiesner (Sportfoerdergruppe Bw).

«Anche oggi, come già venerdì, è stata una giornata spettacolare» commenta Corrado Marchet, presidente dell’Associazione paracadutismo Belluno. «Sole splendente e condizioni meteo ideali ci hanno permesso di svolgere al meglio il programma: 180 i decolli effettuati, 900 i lanci. E tutti i concorrenti hanno evidentemente apprezzato, anche perché nel passato quasi sempre capitava di dover fare qualche interruzione per via di temporali passeggeri o condizioni meteo difficili. Anche dal punto di vista tecnico la giornata è stata spettacolare: la classifica è cortissima e la vittoria è davvero questione di centimetri. Decisiva sarà la giornata di domani».

Il programma di domani prevede il via ai lanci alle 8 mentre le premiazioni si svolgeranno appena concluse le diverse manche, indicativamente a mezzogiorno e mezzo.

Per tutti i dettagli: http://www.parawcs.com/belluno


Italia in testa dopo la prima giornata

Belluno, 12 agosto 2016 – Italia in testa dopo la prima giornata della 27.ma edizione del “Trofeo Città di Belluno”, evento proposto all’aeroporto “Arturo Dell’Oro” dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valido quale terza tappa delle World Cup Series, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione. Dopo le tre prove di venerdì 12 agosto, al primo e secondo posto ci sono due formazioni azzurre: rispettivamente, Italia 3 e la nazionale italiana. Al terzo posto una della nazioni di riferimento, la Bielorussia. Delusione invece per un’altra delle formazioni favorite, la Slovenia che ha sbagliato troppo pregiudicando probabilmente il risultato finale. Giornata intensa sui cieli di Belluno: si è cominciato a gareggiare alle 8 per concludere attorno alle 20. 135 i decolli effettuati e 675 lanci. Sabato 13 agosto si riprenderà alle 8. Di seguito il dettaglio delle graduatorie. Team: 1. Italia 3 (Alessandro Binello, Alessandro Ruggeri, Stefano Corradini, Fabio Filippini, Daniele Viel) 18; 2. Italia (Francesco Gullotti, Claudio Carbone, Marco Pizziconi, Giuseppe Tresoldi, Massimo Agnellini) 20; 3. Bielorussia 21; 4. Repubblica Ceca team militare 22; 5. Ungheria Cism 24; 6. Sportfoerdergruppe Bw (Germania), Svizzera Cism e Italia 2 (Luigi Conga, Fabrizio Mangia, Paolo Filippini, Vittorio Guarinelli, Daniele Bianchi) 25; 9. Qatar 1 28; 10. Polonia team militare 31. Maschile: 1. Anton Gurinovich (Bielorussia) 0; 2. Fabio Filippini (Italia 3), Gernot Alic (Hsv Red Bull – Austria), Jiri Gecnuk (Repubblica Ceca team militare) e Paolo Filippini (Italia 2) 1. Femminile: 1. Cheryl Stearns (Austria ladies team – Stati Uniti) 3; 2. Michaela Mynarova (Czechoslovakia – Repubblica Ceca), Pernille Likke (Austria ladies team – Danimarca), Irena Paczek Krawczack (team misto Italia Polonia), Deborah Ferrand (Angeles Airbus group – Francia), Popa Steliana (Romania), Maja Sajovic (Slovenia) e Jasminka Zezelic (Croazia) 5. Master: 1. Paolo Filippini (Italia 2) e Gernot Alic (Hsv Red Bull – Austria) 1. Juniores: 1. Josef Kroissl (Hsv Red Bull – Austria) 2; 2. Abdulaziz Ahmed (Qatar 1) 3; 3. Alessandro Binello (Italia 3) 5. Ulteriori informazioni: www.parawcs.com/belluno.


Tutto pronto per il Trofeo Città di Belluno 2016

Belluno, 11 agosto 2016 – Tutto pronto per la tre giorni dell’edizione 2016 del “Trofeo Città di Belluno”, evento proposto all’aeroporto “Arturo Dell’Oro” dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valido quale terza tappa delle World Cup Series, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione. Dalla mattinata di venerdì 12 al primo pomeriggio di domenica 14 agosto, saranno 250 gli atleti che si sfideranno. 47 le formazioni presenti, in rappresentanza di 18 nazioni. «Alle formazioni già iscritte, si sono aggiunti in queste ultime ore due team dalla Bielorussia» spiega Corrado Marchet, presidente dell’Associazione paracadutismo Belluno. «Saranno dunque rappresentate, oltre alla Bielorussia, Austria, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Finlandia, Germania, Italia, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Qatar, Romania, Slovacchia, Slovenia, Svizzera, Ungheria e Francia. La massiccia partecipazione transalpina è la novità di questa 27.ma edizione: si tratta di una novità importante, che contribuirà ad elevare ulteriormente il livello tecnico della manifestazione perché la Francia è il paese europeo dove il paracadutismo è più evoluto».

IL CALENDARIO DELLA COPPA DEL MONDO – Prima prova: Rijeka (Croazia): 10-12 giugno; seconda prova: Bled (Slovenia): 24-26 giugno; terza prova: Belluno: 12-14 agosto; quarta prova: Thalgau (Austria): 26-28 agosto; quinta prova Peiting (Germania): 1-2 ottobre; sesta prova: Locarno (Svizzera): 21-23 ottobre. Ulteriori informazioni: www.parawcs.com/belluno.


È già tutto esaurito per il Trofeo Città di Belluno

Belluno, 25 giugno 2016 – Ha già fatto registrare il tutto esaurito l’edizione 2016 del “Trofeo Città di Belluno”, evento proposto all’aeroporto “Arturo Dell’Oro” dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valido quale terza tappa delle World Cup Series, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione.

Nei giorni scorsi lo staff organizzativo ha raggiunto la quota limite di 45 squadre e ha dunque chiuso le iscrizioni. «Purtroppo abbiamo dovuto dire no a molte formazioni ma, come per il recente passato, anche a questa 27.ma edizione del Trofeo Città di Belluno si è deciso di mettere un tetto alle adesioni per garantire a tutti gli ospiti il massimo sia in ambito logistico sia in ambito tecnico-agonistico» spiega Corrado Marchet, presidente dell’Associazione paracadutismo Belluno.

«Le formazioni in gara dal 12 al 14 agosto prossimi saranno 45, in rappresentanza di 17 nazioni» spiega ancora Marchet. «Si tratta di Austria, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Finlandia, Germania, Italia, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Qatar, Romania, Slovacchia, Slovenia, Svizzera e Ungheria. La novità di quest’anno è la partecipazione massiccia della Francia, il paese europeo dove il paracadutismo è più evoluto:  quella dei transalpini sarà  una presenza che contribuirà ad elevare ulteriormente il livello tecnico della manifestazione, un evento che continua a essere l’appuntamento più frequentato tra i sei della Coppa del Mondo e che porterà a soggiornare a Belluno un notevole numero di persone: penso, ad esempio, alle squadre del Qatar che si fermeranno per due settimane intere».

IL CALENDARIO DELLA COPPA DEL MONDO – Prima prova: Rijeka (Croazia): 10-12 giugno; seconda prova: Bled (Slovenia): 24-26 giugno; terza prova:  Belluno: 12-14 agosto; quarta prova: Thalgau (Austria): 26-28 agosto; quinta prova Peiting (Germania): 1-2 ottobre;  sesta prova:  Locarno (Svizzera): 21-23 ottobre.

Ulteriori informazioni: www.parawcs.com/belluno.


Vittoria finale alla Slovenia ma è grande Italia

Belluno, 9 agosto 2015  –  Va alla Slovenia il “Trofeo Città  di Belluno”, competizione proposta dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valida quale quarto appuntamento della Coppa del Mondo, atterraggi di precisione.

Tre giorni di gare, a Belluno, con oltre 200 atleti, 49 squadre e 19 nazioni rappresentate: Italia, Croazia, Slovenia, Bosnia Erzegovina, Romania, Austria, Germania, Repubblica  Ceca, Svizzera, Olanda, Finlandia, Canada, Stati Uniti, Polonia, Ungheria,  Oman, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Qatar.

Italia avanti nella prima giornata, venerdì 7 agosto, risponde la Slovenia nella seconda (sabato 8 agosto), con un vantaggio minimo. Vantaggio che gli Sloveni riescono a conservare nell’ultima e decisiva giornata (domenica 9 agosto) che regala loro il successo. Slovenia, prima, dunque, davanti alla prima formazione italiana che schierava Francesco Gullotti, Fabio Filippini, Corrado Marchet, Paolo Filippini e Luigi Conga. Sul terzo gradino del podio la Repubblica Ceca.

Per l’Italia la soddisfazione anche del successo individuale assoluto di Giuseppe Tresoldi. Il pluri iridato è stato precisissimo: 0 penalità. Soddisfazione grandissima anche per il bellunese Corrado Marchet: impegnato nella doppia veste di coordinatore dello staff organizzativo e atleta, Marchet è giunto secondo a squadre, terzo assoluto a livello individuale e secondo Master a livello individuale.

Soddisfazione anche per il comitato organizzatore, premiato, soprattutto nell’ultima giornata, da una grande cornice di pubblico.

 

LE DICHIARAZIONI

Paolo Bevilacqua, selezionatore tecnico nazionale: «Partivamo come una delle squadre che rientrava nel novero delle favorite per salire sul podio. Abbiamo raggiunto il secondo posto e quindi possiamo dire di aver tenuto fede alle attese confermando la nostra posizione nella classifica di Coppa del Mondo e il nostro valore a livello mondiale. La gara di Belluno è la quarta delle sei prove di Coppa del Mondo e diventa importante anche perché tra una settimana partiremo per gli Europei di categoria, in Bulgaria, dove andremo per cercare di confermare o migliorare i risultati sia come squadra sia come singoli individui. Quindi questa gara è stata anche un importante banco di prova in questo senso ma, soprattutto, è da rilevare come sia sempre un piacere venire qui, perché come al solito l’organizzazione è stata perfetta, con 49 squadre da ogni parte del mondo a darsi battaglia. Anche il clima ci è stato amico, abbiamo fatto solo una pausa di 4 ore nella seconda giornata ma per il resto ci siamo potuti lanciare in condizioni pressoché ideali. Peccato solo aver dovuto eliminare l’ultima manche, ma non si poteva davvero fare diversamente».

 

Alessandro Ferrari, vicepresidente dell’Associazione Paracadutismo Belluno:«Questa 26esima edizione del Trofeo “Città di Belluno” va in archivio con grande soddisfazione. Quest’anno, come ormai da molto tempo accade, era la quarta tappa della Coppa del Mondo. Come l’anno scorso hanno partecipato 49 squadre da tutti i continenti – il limite massimo che siamo in grado di gestire con questa formula – e questo numero fa della tappa bellunese di gran lunga la più partecipata per quanto riguarda il paracadutismo di precisione. Quest’anno avevamo ospiti 6 formazioni provenienti dalla penisola arabica, tutti i principali team europei – i più forti in questa disciplina – ed equipaggi da Stati Uniti e Canada: una bellissima aggregazione di tutti i maggiori campioni di questa specialità. La gara è andata bene, abbiamo solo avuto uno stand-by di 4 ore ieri pomeriggio ma per il resto il clima è stato ottimo. Un grande ringraziamento va a tutti i volontari dell’associazione che si sono dati da fare gratuitamente per giorni. Appena finito questo evento,  ci adopereremo già per il trofeo del prossimo anno. Ci sarebbe in verità piaciuto avere un po’ di collaborazione in più da parte di enti pubblici e altre associazioni, anche per cose non troppo complicate. La gara di Belluno è ormai consolidata, conosciuta in tutto il mondo, citata in tutte le riviste specializzate e fonte di divertimento per tutti quelli che arrivano qui e che per 15 giorni alloggiano nelle strutture bellunesi: diventa quindi anche un importante veicolo turistico e promozionale del nostro territorio. Qui non c’è nulla da invidiare ad un campionato del mondo: ci fossero un po’ più di mezzi sarebbe più facile anche per noi, ma in ogni caso siamo più che soddisfatti. Oltretutto siamo contentissimi per il risultato di Corrado Marchet, che ha fatto una gara eccezionale, piazzandosi al terzo posto assoluto, davanti a campioni del mondo di grande esperienza che – ricordo – sono dei professionisti, mentre Corrado fa tutto questo solo per pura passione, come noi».

 

LE GRADUATORIE – Assoluta squadre: 1. Slovenia (Karun Roman, Peter Balta, Senad Salkic, Borut Erjavec e Matej Becan) 34 penalità; 2. Italia (Francesco Gullotti, Fabio Filippini, Corrado Marchet, Paolo Filippini e Luigi Conga) 38; 3. Repubblica Ceca Military Team (Jindrich Vedmoch, Jiri Gecnuk, Hynek Tabor, Libor Jirousek, Miloslav Kriz) 47; 4. Oman 1; 5. Cism Svizzera.

Femminile squadre: 1. Polonia; 2. Austria; 3. Italia (Milena Zanotti, Carlotta Sella, Daniela D’Angelo, Sonia Vitale, Annalisa Di Tecco).

Assoluta individuale maschile: 1. Giuseppe Tresoldi (Italia) 0 penalità; 2. Abdoullah Al Maqbali (Oman) 1; 3. Corrado Marchet (Italia) e Georges Toth (Svizzera) 2; 5. Luigi Panchieri (Italia) .

Assoluta individuale femminile: 1. Steliana Popa (Romania) e Cheryl Stearns (Stati Uniti, Austria Team Ladies) 8; 3. Milena Zanotti (Italia) e Ina Zuza (Croazia) 13; 5. Monika Sadowy (Polonia) 14.

Master maschile: 1. Giuseppe Tresoldi (Italia) 0; 2. Corrado Marchet (Italia) 2; 3. Alic Gernot (Austria) 3; 4.

Juniores maschile: 1. Sebastian Graser (Austria) 12; 2. Kailed Mohammed Shajea (Qatar) 13; 3. Mohammed  Albloushi (Dubai) 14.

 

IL CALENDARIO DELLA COPPA DEL MONDO – Prima prova: Rijeka (Croazia): 12-14 giugno; seconda prova: Bled (Slovenia): 26-28 giugno; terza prova Peiting (Germania): 10-12 luglio; quarta prova:  Belluno (Italy): 7-9 agosto; quinta prova: Thalgau (Austria): 4-6 settembre; sesta prova:  Locarno (Svizzera): 18-19 ottobre.

 

Il dettaglio delle graduatorie su www.parawcs.com/belluno.


Slovenia leader dopo cinque serie

Belluno, 8 agosto 2015  –  Al termine della secondo giornata, la Slovenia strappa all’Italia la leadership del “Trofeo Città  di Belluno”, competizione proposta dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valida quale quarto appuntamento della Coppa del Mondo di lanci di precisione. Dopo le tre prove di venerdì 7 agosto, sabato 8 sono state completate altre due prove, per un totale di cinque. È stata una giornata difficile perché la pioggia ha costretto l’organizzazione a sospendere i lanci per circa tre ore durante il pomeriggio.

In serata, Slovenia davanti a tutti con il quintetto composto da Karun Roman, Peter Balta, Senad Salkic, Borut Erjavec e Matej Becan. 28 le penalità per gli sloveni. Appena una in più (29) quella del quintetto azzurro composto da Francesco Gullotti, Fabio Filippini, Corrado Marchet, Paolo Filippini e Luigi Conga. Sul terzo gradino del podio provvisorio ci sono poi, con 35 penalità, i ragazzi del Military Team della Repubblica Ceca.

A livello individuale, al termine della seconda giornata sono in tre a guidare, con zero penalità: l’azzurro Giuseppe Tresoldi, lo svizzero Geroges Toth e Abdullah Al Maqbali, dell’Oman.

A livello femminile comanda invece la rumena Steliana Popa  sulla croata Ina Zuza e sull’austriaca Cheryl Stearns.
Tra i Master, prima posizione per Tresoldi e secondo posto per il croato Gernot Alic e il bellunese Corrado Marchet, atleta di eccellenza ma anche coordinatore dell’organizzazione del Trofeo Città di Belluno. La graduatoria Juniores, infine, vede al comando Suhail Ainaqbi, di Dubai.

«E’ stata una giornata stupenda perché le condizioni meteo ci hanno costretto a interpretare la gara in maniera differente a seconda dei momenti» – afferma Giuseppe Tresoldi, nel cui bacheca figurano, tra le altre cose, 5 titoli italiani individuali, 4 titoli di campione del mondo nella precisione in atterraggio a squadre (2 militari e 2 assoluti), 4 argenti iridati nella precisione in atterraggio a squadre (2 militari e 2 assoluti).
«Prima il caldo, poi le nuvole e l’umidità, poi ancora le temperature che si sono abbassate e che hanno fatto aumentare la velocità di discesa» dice ancora Tresoldi. «Un mix di condizioni che ha reso tutto più incerto. Incertissima è anche la lotta per la vittoria: a questo punto direi che Italia, Slovenia e Repubblica Ceca sono le tra candidate al successo ma, si sa, fino all’ultimo lancio tutto può succedere».

 

Per il dettaglio delle graduatorie: www.parawcs.com/belluno.


Italia subito in testa

Belluno, 7 agosto 2015  –  E’ subito grande Italia all’aeroporto “Arturo Dell’Oro” di Belluno dove, venerdì 7 agosto, è andata in scena la prima giornata del “Trofeo Città  di Belluno”, competizione proposta dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valida quale quarto appuntamento della Coppa del Mondo.

Dopo le prime due serie, a guidare la classifica provvisoria è la prima squadra azzurra, composta da Francesco Gullotti, Fabio Filippini, Corrado Marchet, Paolo Filippini e Luigi Conga. Il quintetto di Italia 1 guida con 8 penalità, davanti a Slovenia (10 penalità). Sul terzo gradino del podio provvisorio, con 14 penalità, ci sono Italia 4, Oman 1, Polonia (Polish military team) e Italia 4.

Soddisfatto il capitano Jacopo Pagni, direttore tecnico della nazionale italiana. «L’appuntamento di Belluno ha raggiunto un valore di eccellenza assoluta e confrontarsi con i migliori team al mondo è sempre complesso. Quindi bene questa leadership al termine della prima giornata. Ma il cammino è ancora lungo e nelle prossime due giornate è ancora tutto possibile: basta sbagliare una serie per ritrovarsi a metà classifica anziché in testa».

«Le squadre favorite per la vittoria finale rimangono quelle pronosticate: Italia, Slovenia, Francia, Germania e Ungheria, anche se questi ultimi sono partiti un po’ in sordina. Forse anche a causa delle folate di aria che hanno caratterizzato questa prima giornata sono state molto difficili da interpretare e hanno reso ancora più complicato il compito dei lanciatori».

Tra le note da segnalare per quanto riguarda la prima giornata, c’è il fatto che per la prima volta la nazionale italiana presenta un team completamente al femminile, con tre atlete di esperienza e due debuttanti assolute a questi livelli. «Questo è un segnale della costante crescita del movimento in Italia, un segnale importante che ci fa guardare al futuro con ottimismo» dice ancora Pagni.

Soddisfatto della prima giornata di gare anche Corrado Marchet, impegnato nel doppio ruolo di coordinatore dello staff organizzativo e di atleta. «Per quanto riguarda l’organizzazione siamo in pochi ma stiamo facendo molto. Del resto lo staff è rodato e affiatato» afferma Marchet. «La prima giornata va in archivio con il segno più. Speriamo di continuare così anche nelle ultime due giornate.  Anche il meteo finora ci sta dando una mano, l’auspicio è che il tempo non si guasti».

Le gare di Belluno proseguiranno sabato 8 e domenica 9 agosto (conclusione prevista attorno alle 12). Gli atleti protagonisti sono oltre 200, in rappresentanza di Italia, Croazia, Slovenia, Bosnia Erzegovina, Romania, Austria, Germania, Repubblica  Ceca, Svizzera, Olanda, Finlandia, Canada, Stati Uniti, Polonia, Ungheria,  Oman, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Qatar.

IL CALENDARIO DELLA COPPA DEL MONDO – Prima prova: Rijeka (Croazia): 12-14 giugno; seconda prova: Bled (Slovenia): 26-28 giugno; terza prova Peiting (Germania): 10-12 luglio; quarta prova:  Belluno (Italy): 7-9 agosto; quinta prova: Thalgau (Austria): 4-6 settembre; sesta prova:  Locarno (Svizzera): 18-19 ottobre.

Ulteriori informazioni: www.parawcs.com/belluno.

cdm belluno 2 - 7 agosto 2015

Duecento atleti e diciannove nazioni a Belluno

Belluno, 5 agosto 2015  –  Tutto pronto a Belluno per la quarta tappa della Coppa del Mondo 2015 di paracadutismo. Alle 7.30 di venerdì 7 agosto, con il meeting dei capi squadra, prenderà il via il “Trofeo Città  di Belluno”, competizione proposta all’aeroporto “Arturo Dell’Oro” dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno. Si gareggerà da venerdì 7 fino a domenica 9: la chiusura è prevista per mezzogiorno, naturalmente le se le condizioni meteo lo consentiranno.

«Saranno oltre 200 gli atleti protagonisti di questo appuntamento – spiega Corrado Marchet, presidente dell’Associazione paracadutismo Belluno -. I paesi rappresentati sono Italia, Croazia, Slovenia, Bosnia Erzegovina, Romania, Austria, Germania, Repubblica  Ceca, Svizzera, Olanda, Finlandia, Canada, Stati Uniti, Polonia, Ungheria,  Oman, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Qatar. Abbiamo messo un tetto alle iscrizioni per poter garantire a tutti gli ospiti il massimo sia in ambito logistico sia in ambito agonistico. Abbiamo lavorato parecchio e siamo pronti per un appuntamento che si conferma molto gradito: lo conferma il fatto che molti atleti sono arrivati a Belluno già una decina di giorni prima delle gare».
A confermare Belluno come un appuntamento tra i più importanti del circuito è anche Giuseppe Tresoldi, nel cui bacheca figurano, tra le altre cose, 5 titoli italiani individuali, 4 titoli di campione del mondo nella precisione in atterraggio a squadre (2 militari e 2 assoluti), 4 argenti iridati nella precisione in atterraggio a squadre (2 militari e 2 assoluti).

«La gara di Belluno è la più bella del mondo – afferma Tresoldi -. I lanci tra le Dolomiti hanno un fascino senza pari. Che cosa potrà fare l’Italia ne prossimo fine settimana? Potrà fare molto bene. Da tenere d’occhio sono soprattutto Repubblica ceca, Slovenia, Germania e Francia».

 

IL CALENDARIO DELLA COPPA DEL MONDO – Prima prova: Rijeka (Croazia): 12-14 giugno; seconda prova: Bled (Slovenia): 26-28 giugno; terza prova Peiting (Germania): 10-12 luglio; quarta prova:  Belluno (Italy): 7-9 agosto; quinta prova: Thalgau (Austria): 4-6 settembre; sesta prova:  Locarno (Svizzera): 18-19 ottobre.

Ulteriori informazioni: www.parawcs.com/belluno.


La Coppa del Mondo a Belluno dal 7 al 9 agosto

Belluno, 23 giugno 2015  –  Si rinnova l’appuntamento con il grande paracadutismo tra le Dolomiti. Da venerdì 7 a domenica 9 agosto l’aeroporto “Arturo Dell’Oro” di Belluno ospiterà la quarta tappa della Coppa del Mondo 2015. Un appuntamento ormai fisso nell’estate bellunese, quello con il circuito iridato: la regia è, come tradizione consolidata, dell’Associazione paracadutismo Belluno che, in sinergia con l’Aeroclub Belluno, mette in palio il “Trofeo Città  di Belluno”.

Sono attesi oltre 200 concorrenti. Al momento le formazioni iscritte sono già quaranta, in rappresentanza di 19 paesi: Italia, Croazia, Slovenia, Bosnia Erzegovina, Romania, Austria, Germania, Repubblica  Ceca, Svizzera, Olanda, Finlandia, Canada, Stati Uniti, Polonia, Ungheria,  Oman, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Qatar.

«Le iscrizioni, che hanno quasi già raggiunto  il tetto massimo,  confermano Belluno come una delle tappe più gradite del circuito iridato – spiega Corrado Marchet, presidente dell’Associazione paracadutismo Belluno che la scorsa primavera ha proposto la “Dolomiti cup”, altro evento di carattere internazionale -. Anche il prossimo agosto saranno tanti gli stranieri presenti all’aeroporto e si fermeranno, con tanti accompagnatori e tecnici, ben oltre i tre giorni di gara. Sarà dunque un’occasione importante per gli appassionati ma anche un’opportunità di promozione del territorio».

 

Lo stesso Marchet ha partecipato, inserito nella squadra nazionale azzurra, alla prima prova di Coppa del Mondo, svoltasi dal 12 al 14 giugno a Rijeka (Croazia): per l’Italia è arrivato il terzo posto, alle spalle di Ungheria e Repubblica Ceca. Nell’imminente fine settimana si replicherà a Bled, in Slovenia. L’obiettivo minimo è di confermare il podio.

IL CALENDARIO DELLA COPPA DEL MONDO – Prima prova: Rijeka (Croazia): 12-14 giugno; seconda prova: Bled (Slovenia): 26-28 giugno; terza prova Peiting (Germania): 10-12 luglio; quarta prova:  Belluno (Italy): 7-9 agosto; quinta prova: Thalgau (Austria): 4-6 settembre; sesta prova:  Locarno (Svizzera): 18-19 ottobre.

Ulteriori informazioni: www.parawcs.com/belluno.