Trail de le Longane

A Lozzo di Cadore (Dolomiti Bellunesi), il paese dei mulini e dei vecchi sentieri, 15 chilometri di grande suggestione

Comunicati Stampa

Alpago Sky Super 3 non si ferma: appuntamento domenica 9 agosto

Chies d’Alpago (Belluno), 22 luglio 2020 – Alpago Sky Super 3 non si ferma. La sky race che a Chies d’Alpago (Belluno) vuole onorare la memoria di Andrea Zanon, David Cecchin e Maudi De March, i tre ragazzi del Soccorso Alpino caduti sul Monte Cridola nell’estate del 2012, si svolgerà domenica 9 agosto.

Sarà un’edizione diversa dalle sette fin qui disputate, in quanto dovrà fare i conti con le limitazioni relative al contenimento dell’emergenza Covid-19, ma si farà. E sarà, oltre che un evento dai contenuti tecnici importanti, anche un segnale di ripartenza dopo i tanti mesi di stop causa coronavirus.

Appuntamento dunque per domenica 9 agosto con i due tradizionali tracciati che ricalcheranno i percorsi classici, pur se con un paio di modifiche che riguarderanno la zona di partenza e di arrivo.

Il percorso Sky Race sarà di 20.7 chilometri di sviluppo (1.9 in più rispetto al passato) e 1.950 metri di dislivello positivo (100 in più): la partenza avverrà da Lamosano (località “Pesòrt”, campo erbato aperto, 640 metri di altitudine) e i concorrenti dovranno subito salire, continuando poi fino a raggiungere i 2.212 metri di altitudine del Monte Venal, “tetto” della gara. Da qui, lunga e tecnica discesa fino a tornare a Lamosano dove il traguardo sarà posto in piazza Roma (gli altri anni era invece a Chies). Il numero massimo di concorrenti è fissato a 250. Non ci sarà una partenza unica, bensì quattro partenze scaglionate, ognuna con 50 atleti, in modo da garantire il distanziamento fisico. La prima partenza verrà data alle 8.40, l’ultima alle 9.

Anche per la Mini Sky 3 partenza e arrivo sono posti a Lamosano: la prova si svolgerà su un tracciato di 10 chilometri e 650 metri di dislivello. Pure in questo caso sono stati fissati un limite massimo di partecipanti (200) e partenza scaglionate (dalle 9.15 alle 9.30).

Le iscrizioni alla Sky race sono possibili esclusivamente sul sito della manifestazione www.dolomitiski-alp.com. Saranno a prezzo agevolato di 25 euro fino a domenica 2 agosto. Dal 4 fino all’8 agosto  il costo passerà a 35 euro. Per la Mini Sky Race le iscrizioni, possibili anche in questo caso esclusivamente sul sito www.dolomitiski-alp.com, saranno aperte fino al 7 agosto, al costo di 10 euro.

Per entrambe le prove il ritiro dei pettorali verrà fatto domenica mattina dalle 7 a Lamosano, con recupero in autonomia della propria sacca numerata e segnalazione dell’effettuato ritiro al comitato organizzatore.

Le premiazioni, in Piazza Roma a Lamosano, avranno luogo a partire dalle 13.

L’organizzazione di Alpago Sky Super 3 oltre che lavorare all’edizione 2020 sta lavorando anche al 2021: in cantiere una corsa aperta a tutti su un tracciato ridotto di 5 chilometri.

Per tutti i dettagli: www.dolomitiski-alp.com.


Annullata l’edizione 2020

Lozzo di Cadore (Belluno), 2 aprile 2020 – Il comitato organizzatore del Trail de le Longane comunica che, in seguito all’emergenza Covid 19, l’edizione 2020 del trail, prevista per il prossimo 3 maggio, è stata annullata.

«Il protrarsi dell’emergenza sanitaria non ci lascia alternative» commenta Andrea Forni, coordinatore dello staff organizzativo. «Abbiamo sperato fino all’ultimo di poter allestire la manifestazione ma le condizioni attuali non danno sufficienti garanzie e così, nostro malgrado, siamo costretti ad alzare bandiera bianca. È per noi un dispiacere immenso perché già lo scorso anno avevamo dovuto annullare l’evento a causa del maltempo. Avevamo pensato anche a un rinvio in autunno ma, anche per rispetto agli organizzatori delle manifestazioni già in calendario, abbiamo preferito concentrarci sul prossimo anno. Arrivederci dunque al 2 maggio 2021».


Il Trail de le Longane 2019 è annullato

Lozzo di Cadore (Belluno), 3 maggio 2019 – Il comitato organizzatore del Trail de le Longane comunica l’annullamento della manifestazione in programma il 5 maggio a Lozzo di Cadore, Belluno. Viene annullata anche la manifestazione di nordic walking Longane Skynordic.

«L’allerta meteo diramata in queste ore, con pericolo legato a precipitazioni nevose e al vento nella giornata di domenica, ci induce ad estrema prudenza» spiega Andrea Forni, coordinatore della manifestazione. «Coscienti di avere fatto ogni sforzo per garantire la manifestazione, predisponendo anche un tracciato di riserva, ci troviamo costretti, nostro malgrado, ad annullare l’evento considerato che non ci sono le necessarie garanzie di sicurezza per i concorrenti. Fino all’ultimo avevamo sperato di poter allestire la manifestazione ma contro questo meteo siamo stati costretti ad alzare bandiera bianca. Come da regolamento chi si era iscritto, ad oggi, avrà confermata l’iscrizione per l’edizione 2020, che avrà luogo la prima domenica di maggio».


Il 5 maggio l’ottava edizione

Lozzo di Cadore (Belluno), 2 maggio 2019 – Si svolgerà domenica 5 maggio l’ottava edizione del “Trail de le Longane”, gara promozionale di corsa in montagna che andrà in scena a Lozzo di Cadore, Dolomiti Bellunesi. L’evento, che conferma l’abbinanento con Karpos, si svilupperà sul consueto tracciato di 15 chilometri (dislivello positivo di 1.100 metri) che toccherà alcune zone suggestive dei dintorni di Lozzo come quella dei Mulini o quelle di Lagune e Somacros o, ancora, il tratto del Peron de le Longane (bellissime fanciulle, dai piedi caprini, di qui il “sottotitolo” della gara “correndo con piedi di capra” che abitavano i corsi d’acqua e che conoscevano l’arte della magia) luogo mitico che dà il nome alla manifestazione. Il percorso, che aveva subito pesanti danni lo scorso autunno a seguito della tempesta “Vaia”, è stato sistemato nelle scorse settimane da parte di numerosi volontari e ora è perfettamente agibile. «È stato fatto un gran lavoro per ripristinare i sentieri, un lavoro che è la testimonianza dell’amore di tante persone per questo evento e per il territorio» spiega Andrea Forni, coordinatore della manifestazione. «Ora è tutto pronto, anche se le previsioni meteo non sembrano favorevoli. In ogni caso, la manifestazione è confermata al cento per cento: gareggeremo con qualsiasi condizione atmosferica. In caso di forte maltempo abbiamo pronto un percorso di riserva, di eguale sviluppo chilometrico ma con ridotto dislivello: non toccheremo infatti la parte più alta del tracciato. L’auspicio, ovviamente, è di poter correre sul percorso originale».

Nell’albo d’oro del Trail de le Longane figurano, tra gli altri, Silvia Rampazzo, iridata di corsa in montagna long distance, e Abdoullah Bamoussa, l’italo marocchino che nel 2016 ha vestito la maglia azzurra alle Olimpiadi di Rio sui 3 mila siepi: i record del tracciato sono proprio di Rampazzo e Bamoussa, rispettivamente con il tempo di 1h21’06” (stabilito nel 2017) e di 1h06’13” (stabilito nel 2013). Premio speciale per chi batterà i due record.

Oltre al trail, la manifestazione proporrà anche Longane Skynordic, prima prova della Coppa Italia Skynordic. Tutte le informazioni sulla gara si possono trovare sul sito www.traildelelongane.com.

trail longane 2016

È Daniele De Colò a firmare la settima edizione del Trail de le Longane

Lozzo di Cadore (Belluno), 6 maggio – All’ennesimo tentativo, Daniele De Colò centra la vittoria al “Trail de le Longane”, gara non competitiva di corsa in montagna andata in scena a Lozzo di Cadore (Belluno), domenica 6 maggio. Il vigile del fuoco di Taibon Agordino, già diverse volte sul podio, ha finalmente fatto propria la gara delle Dolomiti Bellunesi, prova impegnativa che propone un tracciato di 15 chilometri di sviluppo e 1.100 metri di dislivello positivo, con passaggi in alcune zone suggestive dei dintorni di Lozzo come quella dei Mulini o quelle di Lagune e Somacros o, ancora, il tratto del Peron de le Longane (bellissime fanciulle, dai piedi caprini, di qui il “sottotitolo” della gara “correndo con piedi di capra” che abitavano i corsi d’acqua e che conoscevano l’arte della magia) luogo mitico che dà il nome alla manifestazione.

De Colò, classe 1970, è partito fortissimo, mettendo subito un bel po’ di secondi tra sé e gli inseguitori. A metà gara il vantaggio era di circa un minuto e mezzo ed è continuato a crescere nella seconda metà gara. Alla fine l’esperto atleta agordino ha vinto in 1h09’04”, precedendo di 2’35” l’ex biathleta azzurro, il friulano Michael Galassi, e di 3’47” un altro friulano, Giulio Simonetti. Tra le donne, la vittoria è andata all’altoatesina di Pieve di Marebbe Anna Pedevilla. Anche in questo caso due atlete friulane sul secondo e terzo gradino del podio: rispettivamente Carla Spangaro e Anna Finizio.

«Finalmente sono riuscito a vincere questa gara dura e bellissima» dice Daniele De Colò. «Ho fatto diversi piazzamenti sul podio e questa volta riesco a primeggiare: volevo questa vittoria, anche per dedicarla a Enrico Frescura e Alessandro Marengon, i due giovani cadorini caduti sul monte Antelao lo scorso 1 maggio».

Anche l’organizzazione ha dedicato un pensiero ai due ragazzi del Soccorso alpino deceduti nei giorni scorsi, ricordandoli con un minuto di silenzio prima del via della gara. «Da martedì il pensiero di tutti noi è per Enrico e Alessandro» dice il coordinatore dello staff organizzativo, Andrea Forni. «Abbiamo nel cuore e nella mente la scomparsa di Enrico e Alessandro. Non è stata una settimana facile. Sono contento che in tanti del Soccorso Alpino oggi fossero presenti: ci tenevano, pur col dolore nel cuore. Per quanto riguarda la gara, la partecipazione è stata ottima in termini numerici perché abbiamo raggiunto i 300 partecipanti, ed elevato è stato anche il livello tecnico. È andato tutto bene. Abbiamo avuto anche la prova di nordic walking: è stata un’edizione sperimentale che contiamo di confermare e potenziare il prossimo anno».

Classifiche Trail de le Longane 2018

trail longane - carla spangaro 2. classificata - guida la gara nella parte iniziale

trail longane 2018 - olivo da prà
trail longane 2018 - partenza
trail longane 2018 - simone andrich
trail longane 2018 - elia costa
trail longane 2018 - il podio maschile
trail longane 2018 - il vincitore daniele de colò accolto all'arrivo dall'organizzatore andrea forni
trail longane 2018 - il vincitore daniele de colò

trail longane 2018 - mihail sirbu


Longane 2018, iscrizioni al via

Lozzo di Cadore (Belluno), 8 febbraio 2018 – Si sono aperte nei giorni scorsi le iscrizioni al “Trail de le Longane”, gara non competitiva di corsa in montagna che andrà in scena a Lozzo di Cadore, Dolomiti Bellunesi. L’evento si svolgerà domenica 6 maggio, con partenza alle 9.45. Confermato il tracciato che avrà uno sviluppo di 15 chilometri e un dislivello positivo di 1.100 metri e che toccherà alcune zone suggestive dei dintorni di Lozzo come quella dei Mulini o quelle di Lagune e Somacros o, ancora, il tratto del Peron de le Longane (bellissime fanciulle, dai piedi caprini, di qui il “sottotitolo” della gara “correndo con piedi di capra” che abitavano i corsi d’acqua e che conoscevano l’arte della magia) luogo mitico che dà il nome alla manifestazione.

Confermato anche l’abbinamento con Karpos, azienda bellunese specializzata nell’abbigliamento outdoor. Per ogni partecipante ci sarà una maglietta tecnica.

Nell’albo d’oro della manifestazione figurano, tra gli altri, Abdoullah Bamoussa, l’italo marocchino che nel 2018 ha vestito la maglia azzurra alle Olimpiadi di Rio e lo scorso anno ai Mondiali di Londra, e Luca Cagnati, azzurro della corsa in montagna.

Le iscrizioni sono perfezionabili sul sito www.dolomitiming.it mentre tutte le informazioni sulla gara si possono trovare sul sito www.traildelelongane.com.

longane 2017 - podio maschile

La firma di Gil Pintarelli e il record di Silvia Rampazzo

Lozzo di Cadore, 7 maggio 2017 – È Gil Pintarelli il dominatore della sesta edizione del “Trail de le Longane” – memorial Ivan Turco, gara non competitiva di corsa in montagna proposta domenica 7 maggio a Lozzo di Cadore (Belluno) dal Gruppo Fatti di Lozzo in collaborazione con Amministrazione comunale, Unione montana, Club alpino italiano, Protezione civile, Vigili del Fuoco e gruppo Alpini. L’atleta trentino del Team Crazy-Scarpa ha corso i 15 chilometri di gara (1.100 metri il dislivello positivo) in 1h08’59”, staccando di oltre un minuto il suo diretto inseguitore. In campo femminile, la vittoria è andata a Silvia Rampazzo, che ha frantumato il suo stesso record stabilito nel 2015, facendo fermare il cronometro sul tempo di 1h21’06”, diciottesimo tempo assoluto.

LA GARA – 242 gli atleti al nastro di partenza; il via alle 9.45 dal centro di Lozzo, piazza IV Novembre, e già nei primi chilometri si stacca un primo gruppi di atleti, che comincia a fare selezione. Poco dopo il quinto chilometro Gil Pintarelli attacca, conquistando un vantaggio importante che manterrà fino alla fine. Alla fine, sul secondo gradino del podio sale Giulio Simonetti (Gemona Atletica) con il tempo di 1h10’04”. A completare il podio l’atleta dei Vigili del Fuoco Belluno, l’agordino Daniele De Colò, terzo con il tempo di 1h11’07”.
Tra le donne, netto il dominio di Silvia Rampazzo (Team Tornado), che ha staccato di oltre 9 minuti Carla Spangaro (Timaucleulis, 1h30’28”). Sul gradino più basso del podio, l’atleta della Nuova Atletica San Giacomo, Sara Della Coletta (1h33’14”). La Rampazzo ha abbassato di oltre 2 minuti il record femminile, fatto registrare dalla stessa runner veneziana nel 2015, quandò stoppò il cronometro a 1h23’44”.

LE INTERVISTE – «È stata una gara veloce fin dalla partenza; i primi 5 km abbiamo tirato forte, poi alla prima salita sono passato in testa, alla seconda ho fatto la differenza poi ho mantenuto il vantaggio andando “a tutta” fino al traguardo» spiega il vincitore Gil Pintarelli, che aggiunge: «Il tracciato, nonostante il maltempo di giorni scorsi, non era male: pensavo peggio, in realtà le discese si potevano gestire bene e non ci sono stati particolari problemi».
Soddisfatta della sua prestazione anche Silvia Rampazzo: «Sono molto contenta, per me è sempre bello essere qua. L’anno scorso non sono riuscita ad esserci, così quest’anno dovevo recuperare. Sono contenta perché ho battuto il mio stesso record, e sono i record che danno soddisfazione, perché vuol dire migliorarsi. Nessun problema sul tracciato. Complimenti all’organizzazione, il percorso era perfetto».
Bilancio decisamente positivo per l’organizzazione, come spiega Andrea Forni: «Il livello qualitativo è stato altissimo: nonostante la concomitanza pesante di altre due importanti manifestazioni, anche quest’anno abbiamo raggiunto un alto numero di partecipanti. Il tempo ci ha anche dato una mano, possiamo essere contenti. I runners si sono complimentati per il tracciato, e devo ringraziare i miei soci Patrick Del Favero e Olivo Da Prà, che sono le due persone incaricate del percorso e che con tutta la macchina organizzativa si impegnano fin dall’autunno per rendere spettacolare ogni edizione del trail. Un grazie anche a tutti i volontari e alle tante realtà associative, amministrative ed economiche che collaborano».

longane 2017 – classificha assoluta

longane 2017 - podio femminile
longane 2017 - podio maschile


Tutto pronto per la sesta edizione

Lozzo di Cadore (Belluno), 4 maggio 2017 – Tutto pronto a Lozzo di Cadore per il “Trail de le Longane”, gara di trail running promozionale valevole per il primo memorial Ivan Turco e proposta, per domenica 7 maggio, a Lozzo di Cadore dal Gruppo Fatti di Lozzo in collaborazione con Amministrazione comunale, Unione montana, Club alpino italiano, Protezione civile, Vigili del Fuoco e gruppo Alpini.

Confermato il tracciato “storico”, già perfettamente tabellato da alcuni giorni: i chilometri in programma sono dunque 15 e il dislivello positivo di 1.100 metri: un continuo saliscendi lungo i sentieri e le strade carrabili attorno a Lozzo, per un tracciato dalla grande valenza tecnica e dalla grande suggestione ambientale.

Nelle prime cinque edizioni a imporsi sono sempre stati atleti di livello: su tutti Luca Cagnati, nazionale della corsa in montagna, e Abdoullah Bamoussa, polivalente atleta italo-marocchino che lo scorso anno ha vestito la maglia azzurra alle Olimpiadi di Rio sui 3 mila siepi. Proprio Bamoussa detiene il record del tracciato: 1h06’13”. Al femminile, invece, il record appartiene a Silvia Rampazzo: 1h23’44”.

La gara partirà da piazza IV novembre (che sarà anche il luogo d’arrivo) alle 9.45. Il ritiro dei pettorali sarà possibile già sabato 6, dalle 8 alle 18, all’ufficio informazioni turistiche di Lozzo oppure in zona partenza la domenica prima della gara, a partire dalle 7. La quota di iscrizione (che darà diritto a un capo tecnico Karpos oltre che ai ristori lungo il percorso, il pasta party finale e il servizio doccia), è fissata in 20 euro fino a sabato 6. Domenica mattina l’ iscrizione costerà 25 euro.

Per tutti i dettagli si può consultare il sito www.traildelelongane.com.
trail-longane-2016-elia-costa


Trail de le Longane 2017, iscrizioni al via

Lozzo di Cadore (Belluno), 27 gennaio 2017 – Si sono aperte nei giorni scorsi le iscrizioni al “Trail de le Longane”, gara non competitiva di corsa in montagna che andrà in scena a Lozzo di Cadore, Dolomiti Bellunesi. L’evento è giunto alla sesta edizione e si svolgerà domenica 7 maggio. Confermato il tracciato che avrà uno sviluppo di 15 chilometri e un dislivello positivo di 1.100 metri e che toccherà alcune zone suggestive dei dintorni di Lozzo come quella dei Mulini o quelle di Lagune e Somacros o, ancora, il tratto del Peron de le Longane (bellissime fanciulle, dai piedi caprini, di qui il “sottotitolo” della gara “correndo con piedi di capra” che abitavano i corsi d’acqua e che conoscevano l’arte della magia ndr) luogo mitico che dà il nome alla manifestazione.
Confermato anche l’abbinamento con Karpos, azienda bellunese specializzata nell’abbigliamento outdoor. Per ogni partecipante ci sarà un capo tecnico.
Nell’albo d’oro della manifestazione figurano, tra gli altri, Abdoullah Bamoussa, l’italo marocchino che lo scorsa estate ha vestito la maglia azzurra alle Olimpiadi di Rio, e Luca Cagnati, azzurro della corsa in montagna.
Le iscrizioni sono perfezionabili sul sito my.raceresult.com.


Giampietro Barattin re delle Longane 2016

Lozzo di Cadore (Belluno), 8 maggio 2016 – In 250, domenica 8 maggio, per la quinta edizione del “Trail de le Longane” – memorial Gustavo Da Prà, gara non competitiva di corsa in montagna che si snoda tra alcune zone suggestive dei dintorni di Lozzo di Cadore, come quella dei Mulini o quelle di Lagune e Somacros, per un totale di 15 chilometri di sviluppo e un dislivello positivo di 1.100 metri. Buono il livello tecnico, con tanti atleti sulla linea di partenza a contendersi i favori del pronostico.

LA GARA

Il via da piazza 4 novembre alle 9.45 e subito, sulla prima salita, lungo i gradoni della zona dei mulini, è il veneziano Filippo Barizza a dettare il ritmo. Lo seguono in scia i bellunesi Elia Costa, Giorgio Dell’Osta e Giampietro Barattin e il friulano Tiziano Moia. A metà gara erano Costa e Barattin a prendere la testa della corsa, con un vantaggio che mai però prendeva dimensioni importanti sugli immediati inseguitori. Sull’ultima salita, dopo un’ora di gara e con meno di venti minuti al traguardo, forzava il ritmo Barattin e prendeva una manciata di secondi di vantaggio su Costa. Era l’azione decisiva che consentiva al portacolori dell’Sc Alpago di tagliare in perfetta solitudine il traguardo, fermando il cronometro sul tempo di 1h11’08”. Piazza d’onore per Costa (Atletica Zoldo, 47” di ritardo) e terzo posto per Moia (Gemona Atletica, 1’08” di ritardo). Quarto posto per l’ex azzurro dello sci di fondo e dello sci alpinismo Alessandro Follador.

In campo femminile, bel successo per Anna Finizio. L’atleta di Tolmezzo, portacolori dell’Us Aldo Moro di Paluzza, ha concluso la propria fatica in 1h29’07”, precedendo un’altra atleta ragazza friulana, Carla Spangaro (Timaucleulis) di 1’50”. Terzo posto per la padovana dell’Atletica Brentella Tina Sbrissa.

LE INTERVISTE

«Ho faticato a tenere il ritmo dei migliori per i primi cinque chilometri, che erano veloci» spiega il vincitore, Giampietro Barattin. «Poi però sono riuscito a fare la mia gara in salita, il mio terreno. L’obiettivo era migliorare il mio personale e ci sono riuscito, cogliendo una vittoria insperata. Il tracciato? Duro ma veloce, tecnico in discesa, insomma completo. Un grazie a Lauro Polito: se ottengo certi risultati è anche grazie ai suoi preziosi consigli».

«Barattin ha attaccato sull’ultimo salita riuscendo a prendere un po’ di vantaggio e poi in discesa ha continuato ad attaccare» commenta Elia Costa, secondo classificato. «Io non ho voluto rischiare più di tanto. Ma va bene così, sono soddisfatto di questo secondo posto».

«Ho finito di sciare da poco e quindi questa vittoria è inaspettata» spiega Anna Finizio, la vincitrice della gara donne. «Ho fatto per unpo’ corsa parallela con Carla Spangaro e poi sono riuscita ad andare via tutta sola. Una bella vittoria su un tracciato vario, con tanti cambi di ritmo, faticoso ma divertente».

IL BILANCIO DELL’ORGANIZZAZIONE

«Siamo soddisfatti, sia per i numeri sia per il livello tecnico» spiega Andrea Forni, coordinatore dello staff organizzativo. «Grazie a tutte le realtà che ci sostengono e, in particolare, al gruppo “Fatti di Lozzo” e al suo presidente, Federico Bastianon. Questa è una manifestazione che, oltre all’aspetto sportivo, contribuisce a valorizzare il paese di Lozzo».

Clicca qui per vedere il video con le immagini della gara e le interviste. 

In allegato le graduatorie. Classifica Trail de le Longane 2016

trail longane 2016 - tiziano moia precede alessandro follador e alberto gerardinitrail longane 2016 - olivo da pra precede mirko da vià e antonio de filippotrail longane 2016 - elia costa


Trail de le Longane, a Lozzo di Cadore si annuncia grande spettacolo

Lozzo di Cadore (Belluno), 5 maggio 2016 – Si annuncia un grande spettacolo per domenica 8 maggio a Lozzo di Cadore. Nella località bellunese andrà in scena la quinta edizione del “Trail de le Longane”, gara non competitiva di corsa in montagna che si snoderà tra alcune zone suggestive dei dintorni di Lozzo, come quella dei Mulini o quelle di Lagune e Somacros, per un totale di 15 chilometri di sviluppo e un dislivello positivo di 1.100 metri. Saranno in tanti a correre il  Trail de le Longane (bellissime fanciulle, dai piedi caprini, di qui il “sottotitolo” della gara “correndo con piedi di capra” che abitavano i corsi d’acqua e che conoscevano l’arte della magia ndr). E molti saranno anche gli atleti di alto livello: ad esempio Alessandro Follador, ex azzurro dello sci di fondo e dello sci alpinismo. A sfidare il finanziere di Falcade ci saranno il neo campione regionale veneto di corsa in montagna, Filippo Barizza; l’auronzano specialista delle lunghe distanze Ivano Molin; l’altoatesino Eugen Innerkofler; il sappadino Matteo Piller Hoffer. Da tenere d’occhio anche il giovanissimo friulano Martin Coradazzi, una delle promesse più importanti dello sci di fondo italiano.

La gara, che metterà in palio il quarto memorial Gustavo Da Prà, scatterà dalla piazza di Lozzo (dove è fissato anche l’arrivo) alle 9.45 di domenica 8 maggio. Le iscrizioni sono possibili, on line, fino alla mezzanotte del 6 maggio. Il sabato e la domenica sarà possibile iscriversi in loco, fino al raggiungimento del numero massimo fissato dall’organizzazione, 350.

«Il percorso è tracciato e in condizioni ottimali» spiega Andrea Forni, coordinatore dello staff organizzativo. «Il livello dei concorrenti è buono e contiamo di aumentare il numero di iscritti in queste ultime ore. Oltre al pacco gara (con capo tecnico Karpos) e ai servizi di ristoro, per i concorrenti quest’anno abbiamo predisposto un servizio massaggi, gratuito. Un qualcosa in più che, crediamo,  potrà essere apprezzato».

Forni intende anche rivolgere un appello ai concorrenti. «Quest’anno sarà obbligatorio presentare copia del certificato medico per attività agonistica o la tessera Fidal, pena l’esclusione dalla classifica finale» spiega l’organizzatore.

Per quanto riguarda il ritiro dei pettorali, sarà possibile effettuarlo sabato 7 dalle 8 alle 18 all’ufficio turistico di Lozzo, oppure la mattina della gara, in zona partenza, dalle 7.30.


Trail de le Longane 2016, iscrizioni al via

Lozzo di Cadore (Belluno), 1 febbraio 2016 – Si sono aperte lunedì 1 febbraio le iscrizioni alla quarta edizione del “Trail de le Longane”, gara non competitiva di corsa in montagna che andrà in scena a Lozzo di Cadore, Dolomiti Bellunesi. L’evento è giunto alla quinta edizione e si svolgerà domenica 8 maggio. Confermato il tracciato che avrà uno sviluppo di 15 chilometri e un dislivello positivo di 1.100 metri e che toccherà alcune zone suggestive dei dintorni di Lozzo come quella dei Mulini o quelle di Lagune e Somacros o, ancora, il tratto del Peron de le Longane (bellissime fanciulle, dai piedi caprini, di qui il “sottotitolo” della gara “correndo con piedi di capra” che abitavano i corsi d’acqua e che conoscevano l’arte della magia ndr) luogo mitico che dà il nome alla manifestazione.

Confermato anche l’abbinamento con Karpos, azienda bellunese specializzata nell’abbigliamento outdoor. Per ogni partecipante ci sarà proprio un capo tecnico.

Le iscrizioni sono perfezionabili sul sito ufficiale della manifestazione, www.traildelelongane.com, oppure sul sito www.ngtiming.com.

 

 


Il trentino Riccardo Scalet vince il Trail de le Longane dei record

tdl2015Lozzo di Cadore (Belluno), 3 maggio 2015 – Cresce il Trail de le Longane. La quarta edizione della gara di corsa in montagna (terzo memorial Gustavo Da Pra) con partenza e arrivo da Piazza 4 novembre a Lozzo di Cadore (Belluno) fa segnare il record di partecipanti: 309. Ricco il parterre degli aspiranti alla vittoria. Partenza alle 9.45 in punto. Il fondo, scivoloso nonostante non piova, obbliga i runners ad una maggiore attenzione specialmente nei tratti in ripida discesa. All’attacco della prima salita di giornata il trio composto dai trentini Riccardo  Scalet e Christian Varesco  e dal cadorino di Laggio Osvaldo Zanella sferra l’attacco che si rivelerà decisivo. Zanella però perde quasi subito contatto e allo scollinamento, a 6 km dalla partenza, la coppia Varesco – Scalet viaggia con circa 50” di vantaggio su Osvaldo Zanella e poco più di un minuto sul resto degli inseguitori. Nella gara femminile invece è fin da subito dominio della vincitrice 2014, Silvia Rampazzo, che imprime un ritmo impossibile fin dalle prime battute e in cima alla prima salita di giornata ha già oltre 4’ di vantaggio sulle dirette inseguitrici, Francesca Scribani e Carla Spangaro.

Le posizioni di testa non cambiano sulla seconda ascesa di giornata. Allo scollinamento di Narieto, Varesco e Scalet viaggiano ancora insieme, con distacchi stabili sugli avversari: 51” su Zanella e 1’4” su Stefano Fantuz, che esce dal gruppo degli inseguitori. La rimonta di Fantuz prosegue sulla terza e più ripida ascesa di giornata (600 metri di lunghezza per quasi 300 metri di dislivello positivo), dove il forte atleta trevigiano supera Zanella e transita con soli 20” di ritardo dal duo di testa. Si profila un finale al cardiopalma ma nel tratto in discesa e soprattutto nell’ultimo tratto pianeggiante Riccardo Scalet fa valere le sue doti di runner e stacca Varesco. Il giovane portacolori dell’Us Primiero taglia il traguardo con il tempo di 1h10’51”, con 19” di vantaggio su Varesco e 1’6” su Fantuz. Per Riccardo Scalet niente record della gara (resta imbattuto l’1h 08’22” del vincitore 2014 Cagnati) a causa del terreno scivoloso, ma una grande soddisfazione all’esordio nel Trail de le Longane.

Tutto facile per Silvia Rampazzo: la veneziana di Noale, vincitrice del 2014, bissa il successo dell’anno scorso con il nuovo record della gara: il suo tempo di 1h23’44” le permette di tagliare il traguardo con un distacco abissale sulle avversarie. Sul secondo gradino del podio sale Francesca Scribani (1h32’00”), mentre al terzo posto chiude Anna Finizio (1h33’00”).

 

Le parole dei vincitori

Riccardo Scalet: «Non posso che essere soddisfatto di questa vittoria. E’ la mia prima volta al Trail de le Longane e non conoscevo bene il percorso, anche se sapevo che le tre salite erano distribuite lungo il tracciato un grado di difficoltà crescente. Siamo partiti subito forte, nonostante il terreno scivoloso non aiutasse la trazione in salita e rendesse insidiose le discese. Io e Varesco abbiamo tenuto un buon ritmo per tutta la gara, dosando al meglio le energie. Il finale pianeggiante mi ha sicuramente avvantaggiato, perché è il terreno nel quale mi esprimo meglio. Per il momento le gare di trail per me finiscono qui, perché da qui in avanti mi dedicherò alla mia vera disciplina di riferimento, l’orienteering».

 

Silvia Rampazzo: «Sono felicissima di questa vittoria, perché questa è una gara che amo follemente, nonostante per caratteristiche tecniche sia forse un po’ troppo breve per me. Però qui a Lozzo si respira una magnifica aria di montagna, che io, che vengo dalla pianura, amo. La gente, l’organizzazione, l’accoglienza, tutto si esprime nel migliore dei modi, e correre qui mi rende felice. La gara è stata insidiosa, nelle discese non nascondo che avevo un po’ di paura. Il tracciato breve mi ha imposto di partire da subito a tutta, senza calcoli».

La soddisfazione del coordinatore dell’organizzazione, Andrea Forni.

Andrea Forni, organizzatore: «Questa quarta edizione del Trail de le Longane va in archivio nella maniera migliore. Siamo contenti, abbiamo fatto il record di partecipazioni, non è piovuto e il livello dei partecipanti è stato altissimo. Ringrazio gli oltre 50 volontari che a diverso titolo hanno dato il loro preziosissimo aiuto e do appuntamento a tutti all’edizione 2016».

Allegati


Trail de le Longane, è iniziato il conto alla rovescia

Lozzo di Cadore (Belluno), 27 aprile 2015 – E’ iniziato il conto alla rovescia per la quarta edizione del “Trail de le Longane”, gara non competitiva di corsa in montagna che andrà in scena a Lozzo di Cadore, Dolomiti Bellunesi, domenica 3 maggio.

Nei giorni scorsi i sentieri sono stati sistemati, con la messa a punto dei tratti più critici e la tabellazione: chiunque lo voglia, dunque, per tutta questa settimana avrà la possibilità di prendere confidenza e scoprire i segreti del “Trail de le Longane”, gara di 15 chilometri (1.100 i metri di dislivello) che avrà partenza e arrivo in centro a Lozzo e che toccherà alcune zone suggestive dei dintorni come quella dei Mulini o quelle di Lagune e Somacros.

La lista iscritti intanto ha già superato quota 200 (il limite è fissato a 350). «Siamo fiduciosi nel raggiungimento o, perlomeno, nel’avvicinamento del numero massimo – spiega Andrea Forni, coordinatore dell’organizzazione -. Ci auguriamo anche un tasso tecnico buono, come già per le prime tre edizioni».

L’albo d’oro del Trail de le Longane porta, infatti, le firme di Mohamed Zahidi (2012), Abdoullah Bamoussa (2013) e Luca Cagnati (2014). Al femminile le vincitrici sono state Dimitra Theocharis, Silvia Serafini e Silvia Rampazzo.
Le iscrizioni saranno possibili, sino a venerdì 1 maggio, sul sito ufficiale della manifestazione, www.traildelelongane.com, oppure recandosi al ristorante La Favorita di Lozzo di Cadore. Per ogni concorrente ci sarà un capo tecnico realizzato da Karpos, azienda bellunese specializzata nell’abbigliamento outdoor.