Ridisegnato il Dxt 20 K

Un passaggio dell'edizione 2014Val di Zoldo (Belluno), 15 maggio 2015 – Manca meno di un mese alla terza edizione della Dolomiti Extreme Trail, l’evento podistico che ha come scenario le Dolomiti della Val di Zoldo (Belluno) e che si svolgerà sabato 13 giugno.

Accanto alla prova “classica” sui 53 chilometri, la manifestazione quest’anno proporrà anche la novità del Dxt 20 K, “mini trail” sui 20 chilometri proposto in seguito alle diverse richieste pervenute dai familiari e accompagnatori degli atleti delle prime due edizioni.

Pensato in un primo tempo su un tracciato con partenza a Forno e arrivo a Pieve di Zoldo, nei giorni scorsi il Dxt 20 K è stato ripensato. E riformulato su un percorso che misurerà sempre 20 chilometri ma sarà più spettacolare, ricalcandola parte finale del trail: si partirà nei pressi di Forcella Staulanza, dove i concorrenti verranno portati da mezzi messi a disposizione dall’organizzazione), per transitare ai piedi del monte Pelmo, salire al monte Punta e arrivare a Pieve di Zoldo. 18 chilometri saranno su sentieri o strade forestali, gli altri 2 su asfalto. Il via verrà dato alle 7. I metri di dislivello positivo saranno 790, quelli di dislivello negativo 1500.

«Risolti alcuni problemi di carattere logistico, che ci avevano costretti a mettere in cantiere un tracciato che si sviluppava prevalentemente nel fondovalle, abbiamo potuto proporre il Dxt 20 K nella formulazione che costituiva l’idea originale – spiegano Paolo Franchi e Corrado De Rocco, del comitato organizzatore -. E’ un tracciato altamente spettacolare che, siamo sicuri, sarà gradito dai concorrenti».

Proprio in questi giorni diverse squadre di volontari hanno operato sul tracciato per sistemare tratti di sentiero e tabellare il percorso. «Il tracciato del Dxt 20 K, e dunque la seconda parte del trail, sono tabellati e a disposizione per coloro che volessero provarlo» dicono ancora Franchi e De Rocco.

Al pari del lavoro degli organizzatori, procedono intanto anche le iscrizioni: al Dxt hanno già aderito più di 600 concorrenti, provenienti da 28 paesi.  Rimangono dunque  disposizione meno di 50 posti. Al Dxt 20 K al momento si sono iscritti in 150. Sono dunque poco meno di cento i posti ancora disponibili. Per entrambi gli eventi iscriversi c’è tempo fino al 25 maggio.

Per tutti i dettagli: www.dolomitiextremetrail.com.


Il trentino Riccardo Scalet vince il Trail de le Longane dei record

tdl2015Lozzo di Cadore (Belluno), 3 maggio 2015 – Cresce il Trail de le Longane. La quarta edizione della gara di corsa in montagna (terzo memorial Gustavo Da Pra) con partenza e arrivo da Piazza 4 novembre a Lozzo di Cadore (Belluno) fa segnare il record di partecipanti: 309. Ricco il parterre degli aspiranti alla vittoria. Partenza alle 9.45 in punto. Il fondo, scivoloso nonostante non piova, obbliga i runners ad una maggiore attenzione specialmente nei tratti in ripida discesa. All’attacco della prima salita di giornata il trio composto dai trentini Riccardo  Scalet e Christian Varesco  e dal cadorino di Laggio Osvaldo Zanella sferra l’attacco che si rivelerà decisivo. Zanella però perde quasi subito contatto e allo scollinamento, a 6 km dalla partenza, la coppia Varesco – Scalet viaggia con circa 50” di vantaggio su Osvaldo Zanella e poco più di un minuto sul resto degli inseguitori. Nella gara femminile invece è fin da subito dominio della vincitrice 2014, Silvia Rampazzo, che imprime un ritmo impossibile fin dalle prime battute e in cima alla prima salita di giornata ha già oltre 4’ di vantaggio sulle dirette inseguitrici, Francesca Scribani e Carla Spangaro.

Le posizioni di testa non cambiano sulla seconda ascesa di giornata. Allo scollinamento di Narieto, Varesco e Scalet viaggiano ancora insieme, con distacchi stabili sugli avversari: 51” su Zanella e 1’4” su Stefano Fantuz, che esce dal gruppo degli inseguitori. La rimonta di Fantuz prosegue sulla terza e più ripida ascesa di giornata (600 metri di lunghezza per quasi 300 metri di dislivello positivo), dove il forte atleta trevigiano supera Zanella e transita con soli 20” di ritardo dal duo di testa. Si profila un finale al cardiopalma ma nel tratto in discesa e soprattutto nell’ultimo tratto pianeggiante Riccardo Scalet fa valere le sue doti di runner e stacca Varesco. Il giovane portacolori dell’Us Primiero taglia il traguardo con il tempo di 1h10’51”, con 19” di vantaggio su Varesco e 1’6” su Fantuz. Per Riccardo Scalet niente record della gara (resta imbattuto l’1h 08’22” del vincitore 2014 Cagnati) a causa del terreno scivoloso, ma una grande soddisfazione all’esordio nel Trail de le Longane.

Tutto facile per Silvia Rampazzo: la veneziana di Noale, vincitrice del 2014, bissa il successo dell’anno scorso con il nuovo record della gara: il suo tempo di 1h23’44” le permette di tagliare il traguardo con un distacco abissale sulle avversarie. Sul secondo gradino del podio sale Francesca Scribani (1h32’00”), mentre al terzo posto chiude Anna Finizio (1h33’00”).

 

Le parole dei vincitori

Riccardo Scalet: «Non posso che essere soddisfatto di questa vittoria. E’ la mia prima volta al Trail de le Longane e non conoscevo bene il percorso, anche se sapevo che le tre salite erano distribuite lungo il tracciato un grado di difficoltà crescente. Siamo partiti subito forte, nonostante il terreno scivoloso non aiutasse la trazione in salita e rendesse insidiose le discese. Io e Varesco abbiamo tenuto un buon ritmo per tutta la gara, dosando al meglio le energie. Il finale pianeggiante mi ha sicuramente avvantaggiato, perché è il terreno nel quale mi esprimo meglio. Per il momento le gare di trail per me finiscono qui, perché da qui in avanti mi dedicherò alla mia vera disciplina di riferimento, l’orienteering».

 

Silvia Rampazzo: «Sono felicissima di questa vittoria, perché questa è una gara che amo follemente, nonostante per caratteristiche tecniche sia forse un po’ troppo breve per me. Però qui a Lozzo si respira una magnifica aria di montagna, che io, che vengo dalla pianura, amo. La gente, l’organizzazione, l’accoglienza, tutto si esprime nel migliore dei modi, e correre qui mi rende felice. La gara è stata insidiosa, nelle discese non nascondo che avevo un po’ di paura. Il tracciato breve mi ha imposto di partire da subito a tutta, senza calcoli».

La soddisfazione del coordinatore dell’organizzazione, Andrea Forni.

Andrea Forni, organizzatore: «Questa quarta edizione del Trail de le Longane va in archivio nella maniera migliore. Siamo contenti, abbiamo fatto il record di partecipazioni, non è piovuto e il livello dei partecipanti è stato altissimo. Ringrazio gli oltre 50 volontari che a diverso titolo hanno dato il loro preziosissimo aiuto e do appuntamento a tutti all’edizione 2016».

Allegati


Trail de le Longane, è iniziato il conto alla rovescia

Lozzo di Cadore (Belluno), 27 aprile 2015 – E’ iniziato il conto alla rovescia per la quarta edizione del “Trail de le Longane”, gara non competitiva di corsa in montagna che andrà in scena a Lozzo di Cadore, Dolomiti Bellunesi, domenica 3 maggio.

Nei giorni scorsi i sentieri sono stati sistemati, con la messa a punto dei tratti più critici e la tabellazione: chiunque lo voglia, dunque, per tutta questa settimana avrà la possibilità di prendere confidenza e scoprire i segreti del “Trail de le Longane”, gara di 15 chilometri (1.100 i metri di dislivello) che avrà partenza e arrivo in centro a Lozzo e che toccherà alcune zone suggestive dei dintorni come quella dei Mulini o quelle di Lagune e Somacros.

La lista iscritti intanto ha già superato quota 200 (il limite è fissato a 350). «Siamo fiduciosi nel raggiungimento o, perlomeno, nel’avvicinamento del numero massimo – spiega Andrea Forni, coordinatore dell’organizzazione -. Ci auguriamo anche un tasso tecnico buono, come già per le prime tre edizioni».

L’albo d’oro del Trail de le Longane porta, infatti, le firme di Mohamed Zahidi (2012), Abdoullah Bamoussa (2013) e Luca Cagnati (2014). Al femminile le vincitrici sono state Dimitra Theocharis, Silvia Serafini e Silvia Rampazzo.
Le iscrizioni saranno possibili, sino a venerdì 1 maggio, sul sito ufficiale della manifestazione, www.traildelelongane.com, oppure recandosi al ristorante La Favorita di Lozzo di Cadore. Per ogni concorrente ci sarà un capo tecnico realizzato da Karpos, azienda bellunese specializzata nell’abbigliamento outdoor.


Al via la scuola di formazione per l’uso del defibrillatore

Belluno, 14 aprile 2015 – Prenderà il via il prossimo mese di maggio la Scuola di formazione per l’uso del defibrillatore, realtà promossa da Dolomiti Emergency (associazione di volontariato che ha come scopo quello di sostenere e migliorare  il modello di soccorso ed intervento di emergenza in montagna) in sinergia con la Ulss 1 di Belluno e la Ulss 2 di Feltre all’interno della Scuola di formazione urgenza ed emergenza sanitaria “Falco”.

L’iniziativa è stata presentata martedì 14 aprile a Belluno, alla presenza  di Gianluca Dal Borgo, presidente di Dolomiti Emergency, Pietro Paolo Faronato, direttore generale dell’Ulss 1, Giovanni Pittoni, direttore sanitario dell’Ulss 2, Giovanni Cipolotti, primario del Suem 118 Ulss 1, e Mauro Fantinel, cardiologo Ulss 2 e direttore della scuola stessa.

«Il percorso di formazione prevede 5 ore di lezioni, una teorica e quattro pratiche e abilita all’uso del defibrillatore semi automatico oltre che offrire la conoscenza delle prime manovre di rianimazione cardiopolmonare – spiega Mauro Fantinel -. Il defibrillatore è una macchina assolutamente sicura (toglie qualunque responsabilità in merito al riconoscimento dell’aritmia all’operatore il quale sarà responsabile unicamente del mantenimento della sicurezza ambientale ndr) che è fondamentale per salvare una vita: la sopravvivenza di una persona dipende infatti dall’intervento nei primissimi minuti».

Tutti coloro che volessero partecipare a un corso o richiedere informazioni possono farlo rivolgendosi a Dolomiti Emergency: telefonando allo 0437.93.70.62 oppure scrivendo a info@dolomitimergency.it.

«Il ruolo di Dolomiti Emergency è quello essere un punto di coordinamento tra la scuola e le associazioni che devono recepire il Decreto Balduzzi che obbliga all’adozione del defibrillatore –spiega Gianluca Dal Borgo -. Ma il nostro ruolo è anche quello di far conoscere sempre di più la scuola, attraverso azioni di promozione, e quello di gestire l’aspetto fiscale – amministrativo della scuola stessa. Già diverse associazioni hanno richiesto di esser abilitate. I corsi partiranno a maggio e fino a metà giugno il calendario delle lezioni è completo. Ma è per settembre che contiamo di essere a pieno regime. L’obiettivo è quello di arrivare a dotare di defibrillatore non solo le associazioni sportive ma anche di far sì che la piazza di ogni comune ne sia dotata».

In foto, un momento della presentazione dell’iniziativa.

dolomiti emergency - presentazione scuola defibrillatore 14.04.2015

Said Boudalia inaugura l’albo d’oro della Sedico Run

Sedico (Belluno), 12 aprile 2015 – E’ l’italo marocchino Said Boudalia a inaugurare l’albo d’oro della Sedico Run, non competitiva proposta domenica 12 aprile a Sedico (Belluno) dall’Atletica Fiori Barp, sodalizio che vede nello staff organizzativo anche il capitano degli azzurri del cross, Gabriele De Nard. Tre eventi in uno, nella giornata della Sedico Run: le “Antiche Rogge”, di 23 chilometri, “Le antiche rogge a staffetta”, e la “Family Run”, gara per i più piccoli e per le famiglie sulla distanza dei 5 chilometri. Complessivamente sono stati più di 900 i concorrenti.

LE ANTICHE ROGGE – Sul tracciato delle “Antiche Rogge”, percorso con 250 metri di dislivello che ha toccato zone di particolare suggestione ambientale e storica come Villa Gaggia, Villa Zuppani, l’Oratorio di San Nicolò, Villa Patt, le Segherie dei Meli e, appunto, la zona dove un tempo, lungo la riva del torrente Cordevole, esisteva un fitto reticolo di rogge e relativi opifici, a mettere d’accordo tutti è stato Boudalia. L’italo marocchino residente nel Bellunese ha fatto corsa parallela con il feltrino del Centro sportivo Esercito (e azzurro di cross e mezzofondo) Manuel Cominotto fino al tredicesimo chilometro, poi ha forzato il ritmo e se n’è andato tutto solo, tagliando il traguardo in 1h19’04. Piazza d’onore per Cominotto, staccato di 35”, e terzo posto per Lucio Sacchet (5’28” il ritardo).

In campo femminile, vittoria senza problemi per la trentina del Centro sportivo Esercito, e azzurra di mezzofondo e cross, Federica Dal Ri, moglie di Gabriele De Nard (1h27’11 il suo tempo). Secondo e terzo posto per Deborah Pomarè e Angela De Poi.

LA STAFFETTA – Sessanta le formazioni al via nella staffetta, prova per squadre di due concorrenti con una frazione sui 15 chilometri e una sugli 8. I successi sono andati a Gabriele Cossettini e Osvaldo Zanella (uomini), Erwin Ronchi e Valentina Gavarretti (mista, terzi assoluti), Claudia e Manuela Moro (femminile, settime assolute).

FAMILY RUN – I più veloci della Family Run sono stati Lorenzo Mazzoleni e Karin De Marco. Oltre 700 i concorrenti al via, soprattutto bambini, ragazzi e famiglie.

I COMMENTI – «Siamo soddisfatti, sono stati davvero tanti coloro che hanno risposto al nostro invito per questa prima edizione della Sedico Run – commentano il presidente dell’Atletica Fiori Barp, Riccardo Ebo, e Gabriele De Nard -. Buono anche il livello tecnico della gara sui 23 chilometri. Grazie a tutti i volontari delle associazioni di Sedico che hanno reso possibile tutto ciò, lavorando intensamente per mesi. E grazie anche agli amici del Gs La Piave che ci hanno dato una mano per gli aspetti logistici. L’appuntamento è rinnovato al 2016».

«Un percorso duro e suggestivo, questo della prima edizione della Sedico Run – così il vincitore Said Boudalia -. Ho corso gomito a gomito con Cominotto fino a dopo metà gara, poi ho provato ad andarmene e ci sono riuscito. Una bella vittoria».

Manuel Cominotto conferma la bellezza del tracciato. «Un percorso davvero interessante, per una manifestazione che è destinata a crescere – commenta il feltrino -. Per quanto mi riguarda, non ho voluto forzare più di tanto perché sto preparando i 10 mila su pista, ma quel che è certo è che Boudalia è uno che a davvero forte. L’obiettivo della mia prima parte di stagione è qualificarmi per i 10 mila della Coppa Europa. Poi, a settembre, potrei esordire in maratona».

«Sono soddisfatto del mio terzo posto – così Lucio Sacchet -. Pretendere qualcosa di più? Impossibile, Boudalia e Cominotto andavano troppo forte».

Soddisfatta della propria gara anche Federica Dal Ri. «Un bell’allenamento, su un tracciato tecnico e divertente – spiega la vincitrice -. Mi sto allenando intensamente, l’obiettivo sono i 10 mila dei campionati italiani di metà maggio a Isernia».

classifica indviduale sedico run 2015classifca staffetta sedico run 2015classifiche sedico family run 2015
federica dal ri - vincitrice 23 km donne


Dxt, è record di iscritti. E per i più piccoli nasce Micro Dxt

Forno di Zoldo (Belluno), 10 aprile 2015 – Corre forte la terza edizione di “Dolomiti Extreme Trail”, l’evento podistico che ha come scenario le Dolomiti della Val di Zoldo (Belluno) e che si svolgerà sabato 13 giugno.

Al 31 marzo, data ultima per usufruire dell’iscrizione agevolata, le adesioni hanno superato quota 500. Vale a dire che è record: si sono superati infatti gli iscritti del 2013 (poco più di 400) e quelli dello scorso anno (poco meno di 500) e quindi si guarda con ottimismo al traguardo dei 600 partecipanti. Ottimo anche il numero delle nazioni rappresentate: al momento sono 27.

«Siamo davvero soddisfatti di come stanno procedendo le iscrizioni – spiegano Corrado  De Rocco e Paolo Franchi, del comitato organizzatore -. Stiamo raccogliendo i frutti di un grande lavoro promozionale che abbiamo portato avanti insieme al Consorzio Val di Zoldo e che ci ha visti protagonisti Firenze Urban Trail Expo, in occasione del Firenze Urban Trail, il principale evento di trail cittadino in Italia e a “Destinations Nature”, il salone dedicato all’outdoor che si è svolto a Paris Expo – Porte de Versailles in occasione dell’ Eco Trail de Paris. Dal 16 al 19 aprile, poi, saremo presenti anche allaMilano Runnig Expo».

Un cantiere aperto, dunque, Dolomiti Extre Trail. Il cui staff organizzativo lavora di fatto tutto l’anno per garantire un evento sempre più rispondente alle esigenze dei protagonisti del mondo trail. Ma Dxt guarda anche al futuro e, in particolare, alle nuove generazioni di podisti. L’edizione 2015 vedrà protagonisti anche i più piccoli. Nella mattinata del trail, infatti, si svolgerà anche Micro Dxt, podistica non competitiva che si svilupperà su un tracciato di 1000 metri, con 70 metri di dislivello. Partenza e arrivo sono fissati a Pieve di Zoldo, nella zona di arrivo del trail. Il via verrà dato alle 10. La partecipazione, gratuita, è riservata a bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. Le iscrizioni si riceveranno al Dxt Center nei giorni precedenti l’evento o, il giorno stesso, in zona partenza.

Sempre per quanto riguarda i più piccoli, Dolomiti Extreme Trail come già lo scorso anno metterà a disposizione dei protagonisti del trail un servizio di baby sitting: sarà funzionante dalle 5.30 alle 18 del 13 giugno.

Per tutti i dettagli: www.dolomitiextremetrail.com.


Tutto pronto per la prima Sedico Run. Al via anche gli azzurri Federica Dal Ri e Manuel Cominotto

E’ tutto pronto per la prima edizione della Sedico Run, corsa non competitiva proposta dall’Atletica Fiori Barp.La manifestazione si svolgerà nella mattinata di domenica e conterrà tre eventi in uno, tutti con partenza e arrivo in zona impianti sportivi (località Ricolt). L’evento principale sarà rappresentato dalle “Antiche Rogge”, percorso di 23 chilometri che toccherà gran parte del territorio di Sedico, passando per Villa Gaggia, Villa Zuppani, l’Oratorio di San Nicolò, Villa Patt, le Segherie dei Meli e, appunto, la zona dove un tempo, lungo la riva del torrente Cordevole, esisteva una fitta rete di rogge e relativi opifici. Alla gara prenderanno anche due protagonisti del mezzofondo e del cross azzurro, Federica Dal Ri e Manuel Cominotto, del Centro sportivo Esercito. Nella start list pure due ottimi interpreti podismo bellunese quali Lucio Sacchet e Aziz Mahjoubi, entrambi dell’Ana Atletica Feltre. Il via è previsto per le 10. Sedico Run proporrà anche “Le antiche rogge a staffetta”, gara a staffetta di due concorrenti con una frazione sui 15 chilometri e una sugli 8. Anche in questo caso il via è previsto per le 10. Per i più piccoli, o per chi voglia semplicemente correre o camminare in compagnia, ci sarà infine la “Family Run”, su un tracciato ridotto di 5 chilometri. La partenza verrà data alle 10.30. Le iscrizioni, per tutti e tre gli eventi, saranno possibili sabato, 11 aprile, in zona partenza agli impianti sportivi, dalle 15 alle 18. In questo orario sarà possibile anche il ritiro pettorali per coloro che si sono già iscritti. raccoglieranno invece sabato 11, dalle 15 alle 18, in zona impianti sportivi. Ci si potrà iscrivere anche nella mattina della gara, fino alle 10 o comunque fino ad esaurimento pettorali. Per tutti i dettagli: www.sedicorun.it.


Pustertaler ski marathon, si gareggerà sabato 9 gennaio

Val Pusteria – Pustertal (Alto Adige – Südtirol), 9 aprile 2015 – E’ già al lavoro lo staff organizzativo della Pustertaler ski marathon, la gran fondo sugli sci di maggior tradizione in Alto Adige. Dopo essersi stati costretti alla rinuncia, nell’inverno appena passato, a causa di un innevamento che non garantiva né lo svolgimento sul percorso originario né sul percorso alternativo, il presidente Alfred Prenn e i suoi collaboratori stanno già lavorando alla prossima stagione.

E’ confermata la tecnica classica e sono confermati i 60 chilometri delle ultime edizioni: partenza da Braies, passaggi per il lago di Dobbiaco, la Val di Landro (con vista sulle Tre Cime), la nordic arena di Dobbiaco, San Candido, Sesto, Moso e approdo finale a Waldheim, nella incomparabile cornice naturale delle cinque cime che compongono la Meridiana di Sesto. La novità è rappresentata dalla giornata di svolgimento della gara: si gareggerà nella giornata di sabato 9 gennaio.

La domenica sarà riservata ai più piccoli: il 10 gennaio, infatti, si svolgerà la Puschtra Mini, gara sprint riservata alla categorie giovanili.

Nelle prossime settimane saranno definiti i dettagli di entrambi gli eventi. Saranno disponibili sul sito ufficiale della manifestazione, www.ski-marathon.com e sul relativo profilo Facebook.


Transcivetta Karpos 2015, in gara anche i più piccoli

Alleghe (Dolomiti Bellunesi), 9 aprile 2015 – Dopo la bella esperienza del 2014,  Transcivetta Karpos continua a investire sui giovanissimi. Anche il prossimo 19 luglio, infatti, la classicissima gara a coppie delle Dolomiti Bellunesi proporrà la Transcivetta Kids, podistica dedicata agli under 12.

La manifestazione, curata dallo staff organizzativo di Transcivetta Karpos,  si svolgerà nel pomeriggio di domenica 19 luglio, con inizio alle 14.30.

Teatro di gara sarà l’ampia radura dei Piani di Pezzè: i piccoli protagonisti si confronteranno su un tracciato di circa 2,5 chilometri, con dislivello minimo, che avrà come linea d’arrivo lo stesso traguardo della manifestazione maggiore. Le categorie in gara saranno quelle dai 5 agli 8 anni (maschile e femminile) e quella dai 9 ai 12 anni (maschile e femminile). Verranno premiati i migliori di ogni categoria ma, soprattutto, ci sarà un riconoscimento per ogni partecipante. Sarà un gadget di grande importanza: si tratta infatti di una maglietta tecnica, realizzata con un tessuto di elevata traspirabilità, ideale per il movimento all’aria aperta. Le iscrizioni all’evento, fissate in 5 euro, si raccoglieranno il giorno della gara, in zona partenza/arrivo, dalle 12 alle 14.

Proseguono intanto le iscrizioni alla Transcivetta Karpos. Alla data del 31 marzo, data ultima per usufruire della quota agevolata, le coppie iscritte avevano superato quota 450, facendo registrare un + 35 per cento rispetto alla stessa scadenza dello scorso anno.

Tra gli iscritti eccellenti anche la squadra composta da don Franco Torresani e Stefania Satini: il parroco della Val di Non (che detiene il record assoluto della manifestazione, 2h05’46 stabilito nel 2005 con l’ex azzurro della corsa in montagna Claudio Cassi) e la maratoneta dell’Atletica Dolomiti saranno una delle  coppie da battere.

il vincitore della transcivetta kids 2014 luca kererPer tutti i dettagli si può consultare il sito ufficiale della manifestazione, www.transcivetta.it .


Conto alla rovescia per la Sedico Run

Sedico (Belluno), 2 aprile 2015 – E’ iniziato il conto alla rovescia per Sedico Run, corsa non competitiva proposta dall’Atletica Fiori Barp. La manifestazione è in programma domenica 12 aprile e conterrà tre eventi in uno, tutti con partenza e arrivo in zona impianti sportivi.

Il clou sarà rappresentato dalle “Antiche Rogge”, percorso di 23 chilometri che toccherà zone di particolare suggestione come Villa Gaggia, Villa Zuppani, l’Oratorio di San Nicolò, Villa Patt, le Segherie dei Meli e, appunto, la zona dove un tempo, lungo la riva del torrente Cordevole, esisteva una fitta rete di rogge e relativi opifici. Sedico Run proporrà  anche “Le antiche rogge a staffetta”, gara a staffetta di due concorrenti con una frazione sui 15 chilometri e una sugli 8. Per i più piccoli, o per chi voglia semplicemente correre o camminare in compagnia, ci sarà infine la “Family Run”, su un tracciato ridotto di 5 chilometri.

«Le iscrizioni stanno andando bene e siamo fiduciosi in una buona partecipazione – spiega Riccardo Ebo, presidente dell’Atletica Fiori Barp -. Stiamo lavorando intensamente in questi giorni e con noi stanno lavorando tanti volontari delle associazioni di Sedico che ci daranno una mano per quanto riguarda la vigilanza lungo il percorso e i ristori. Importante anche il sostegno della Pro Loco per l’allestimento del tendone e del pasta party dopo l’arrivo».

MUSICA E GADGET – Grande attenzione per i concorrenti, da parte dello staff della Sedico Run. «Sì, a partire innanzitutto dal tracciato che abbiamo voluto ricavare tra scorci naturalistici incantevoli e luoghi ricchi di storia e arte perché la corsa diventi anche un piacere – conferma Ebo -. Per rendere meno pesante la fatica dei concorrenti abbiamo anche pensato a una serie di momenti musicali lungo il tracciato, a cura di gruppi o dj. E poi il pacco gara – dice ancora Ebo -. Per i concorrenti del percorso sui 23 chilometri c’è una maglia tecnica prodotta da Tec Sport mentre per i concorrenti della Family Run un paio di calzini con logo della manifestazione. Oltre, naturalmente, al buono per il pasta party».

ISCRIZIONI – Le iscrizioni alla Sedico Run – percorso “Antiche Rogge” saranno possibili sul sito ufficiale dell’evento, www.sedicorun.it,fino al 9 aprile: la quota è di 22 euro per la gara individuale, 45 per la staffetta. Le iscrizioni alla Family Run si raccoglieranno invece sabato 11, dalle 15 alle 18, in zona impianti sportivi oppure la mattina della gara tra le 8.30 e le 10.

PROGRAMMA – Il programma di domenica 12 aprile prevede dalle 8 alle 91.5 la distribuzione dei pettorali e la raccolta iscrizioni. Alle 10 il via alle ”Antiche Rogge” di 23 chilometri e staffetta mentre alle 10.30 la partenza della Family Run. Alle 12 ci sarà l’apertura del tendone per il pasta party mentre alle 13 l’inizio delle premiazioni.