Giro del Lago, ecco la mostra di Luca Stella

Alpago (Belluno), 11 agosto 2017 – Come ormai tradizione, anche in questo 2017 l’artista che disegna la maglietta del Giro del Lago di Santa Croce sarà protagonista di una mostra personale, realizzata grazie alla collaborazione del Comune di Alpago, Comitato Alpago 2ruote&solidarietà, Pro Loco di Puos d’Alpago e Auser Alpago.

Quest’anno tocca a Luca Stella, giovane artista bellunese che per il Giro ha disegnato un draghetto dai colori sgargianti che farà bella mostra di sé sulla maglia che ogni concorrente riceverà domenica 20 agosto in occasione della 23.ma edizione dell’evento per podisti e ciclisti proposto dal Comitato Alpago 2ruote&solidarietà e il cui ricavato servirà a sostenere le attività di due relatà che operano a favore di chi soffre, vale a dire la “Via di Natale” di Aviano l’ associazione Cucchini di Belluno.

L’inaugurazione della mostra avverrà sabato 12 agosto, alle 16, alla sala piano terra della sede municipale di Puos d’Alpago. L’esposizione poi resterà aperta dal giovedì al sabato dalle 17 alle 19, domenica e festivi dalle 16 alle 19.30.
giro del lago 2017 - disegno maglietta a cura di LUCA STELLA


La Transpelmo raddoppia: ecco la Junior race!

Val di Zoldo (Belluno), 11 agosto 2017 – Evento nell’evento per la Transpelmo. Il prossimo 3 settembre, infatti, accanto alla tradizionale manifestazione attorno a una delle vette più fascinose delle Dolomiti, la Pro Loco Zoldo Alto proporrà anche la Transpelmo Junior Race. Si tratta di una manifestazione promozionale dedicata agli Under 12 che si correrà con partenza e arrivo sotto lo striscione della gara dei “grandi”, sulla piana di Palafavera, nei pressi dello stadio del biathlon.

Alla gara, che prenderà il via alle 9.45, ci si potrà iscrivere gratuitamente la mattina del 3 settembre, fino alle 9.15, in zona partenza. Il numero massimo di iscritti è stato fissato a 200. I bambini e ragazzi saranno divisi in tre categorie, maschili e femminili: Pitùs (pulcini) da 0 a 6 anni (dovranno percorrere 1 giro del tracciato, pari a 6 metri); Skiràte (scoiattoli) da 7 a 9 anni (2 giri); Liòre (lepri) da 10 a 12 anni (3 giri).

Tutti i partecipanti riceveranno un braccialetto ricordo e per tutti ci sarà anche un … ristoro nutelloso. Verranno inoltre premiati i primi tre classificati di ogni categoria.

Per tutti i dettagli sulla manifestazione: www.transpelmo.com.
volantino-junior-2017-01_orig


Vittoria bis con record per Gianpietro Barattin

Chies d’Alpago (Belluno), 10 agosto 2017 – Vittoria bis con record per Gianpietro Barattin. Dopo il successo del 2016, l’atleta alpagoto giovedì 10 agosto ha fatto nuovamente sua la Alpago Sky Super 3, la gara di corsa in montagna che a Chies d’Alpago (Belluno) vuole onorare la memoria di Maudi De March, David Cecchin e Andrea Zanon, i tre ragazzi del Soccorso Alpino caduti sul Monte Cridola il 10 agosto del 2012. Un ricordo intenso e sobrio allo stesso tempo. Partecipato dalla comunità di Chies e dai partecipanti (300 complessivamente) arrivati da tutto il Triveneto e Lombardia.
Gara spettacolare, dura e tecnica, su un tracciato di 18,8 chilometri e 3.626 metri di dislivello (1.850 quelli positivi): dopo la partenza da Lamosano (640 metri di altitudine) si toccheranno Alpaos – San Martino – La Posta – Moda di Sopra – Roncadin – Cason Crosetta – Casera Venàl – Le Vàl (sentiero Cai n. 934) – Forcella Venàl – la cima del monte Venàl (2.212 metri, “tetto” della corsa) – sentiero Cai n. 928 – bivacco Toffolon – sentiero Cai n. 979 – Casera Antander – Col Pian – Tamèra – Irrighe (Narnei) – Molini – campo sportivo – Chies (piazzetta Belvedere, 703 metri).
Gara dal livello tecnico molto buono, con Barattin che non solo ha bissato il successo dello scorso anno (ottenuto su un tracciato dall’altimetria ridotta a causa del maltempo) ma ha anche migliorato il tempo record fatto registrare due anni dal trentino Gil Pintarelli: 2h07’18” contro 2h08”36”. Ha migliorato il record di Pintarelli anche il secondo classificato, il talento dello sci alpinismo Enrico Loss (bronzo iridato nell’individuale ai recenti mondiali, proprio in Alpago): 2h07’51” per il giovanissimi primierotto, classe 1997. La gara è vissuta proprio sul duello tra Barattin e Loss: quest’ultimo è stato avanti per gran parte della gara (suo il miglior tempo al Gpm del Monte Venal) e ha ceduto al ritorno di Barattin solo negli ultimissimi chilometri di discesa, cedendo alla fine per appena 33”. A completare il podio un altro atleta trentino, Francesco Baldessari.
Tra le donne, dominio netto per Cecilia De Filippo che ha completato la propria fatica in 2h40’44” (ventesimo tempo assoluto). Sul podio con lei la trevigiana Silvia Serafini e la giovanissima trentina Valentina Loss (classe 2001).
La Alpago Sky Super 3 ha proposto anche la passeggiata nella natura, su un tracciato di 10 chilometri (600 metri di dislivello positivo) con partenza e arrivo a Lamosano. Anche in questo caso c’è stata una vittoria con record: a imporsi il parroco trentino don Franco Torresani che ha fermato le lancette del cronometro sul tempo di 45’37” (46’02”) precedendo il trevigiano Stefano Fantuz e il vicentino Marco Dalle Molle.
Alpago Sky assoluta maschile: 1. Gianpietro Barattin (Sc Alpago) 2h07.18; 2. Enrico Loss (Sc Valdobbiadene) 2h07.51; 3. Francesco Baldessari (Atletica Trento) 2h14.56; 4. Michele Sulli 2h16.43; 5. Luca Carrara 2h17.07; 6. Sandro Salvador 2h17.39; 7. Mario Scanu 2h21.15; 8. Lauro Polito 2h24.52; 9. Fabrizio Puntel 2h26.15; 10. Silvano Frattino 2h26.21.
Alpago Sky assoluta femminile: 1. Cecilia De Filippo (Dolomiti Ski Alp) 2h40.44; 2. Silvia Serafini (Tornado) 2h52.47; 3. Valentina Loss 2h54.37; 4. Francesca Furlani 3h10.48; 5. Serena Schievenin 3h18.32.
Classifiche COMBINATA FEMMINILE 2017

Classifiche COMBINATA MASCHILE 2017

SKY 3 2017 – COMPLESSIVA

SKY 3 2017 – FEMMINILE

SKY 3 2017 – JUNIOR

SKY 3 2017 – MASCHILE

SKY 3 2017 – MASTER OVER 50
classifiche in excel 10 km camminata nella natura 2017

cecilia de filippo vincitrice gara donne alpago sky super 3 2017 - MCPHOTO

gianpietro barattin vincitore alpago sky super 3 MCPHOTO

Trofeo Città di Belluno, 45 squadre al via

Belluno, 9 agosto 2017 – Tutto pronto all’aeroporto “Arturo Dell’Oro” di Belluno per la tre giorni dell’edizione 2017 del “Trofeo Città di Belluno”, evento proposto” dall’Associazione paracadutismo Belluno in sinergia con l’Aeroclub Belluno e valido quale quarta tappa delle World Cup Series, la Coppa del Mondo di atterraggio di precisione. Un intero fine settimana di sport spettacolo che colorerà i cieli bellunesi da venerdì 11 a domenica 13 agosto.
A confrontarsi saranno 45 formazioni e 250 atleti, in rappresentanza di 18 nazioni: Argentina, Austria, Bielorussia, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Ungheria,
«Quest’anno mancano i paesi arabi ma abbiamo la grande novità rappresentata dall’Argentina» spiega Corrado Marchet, presidente dell’Associazione paracadutismo Belluno. «Abbiamo fatto il pieno di iscrizioni, come ormai tradizione, e questo non può che farci piacere. Anche il livello tecnico sarà in linea con il passato, vale a dire sarà elevato. Un grazie particolare all’Aero Club Belluno, ai giudici, ai meccanici e a tutti i piloti. E un grazie anche a tutti gli atleti che hanno scelto così numerosi ancora una volta Belluno. Diversi stanno provando i lanci già da qualche giorno: da venerdì sarà spettacolo puro con la 28.ma edizione di un evento che costituisce un’ importante occasione di sport ma anche di promozione del territorio».
Ulteriori informazioni: www.parawcs.com/belluno oppure www.skydivebelluno.it.


Un draghetto per il Giro del Lago di Santa Croce

Alpago (Belluno), 8 agosto 2017 – Un draghetto per il Giro del lago di Santa Croce (Belluno) del prossimo 20 agosto. Un draghetto che pedala e che farà bella mostra di sé sulla maglietta che ogni concorrente riceverà, come tradizione, al momento dell’iscrizione all’evento proposto dal Comitato Alpago 2ruote&solidarietà. La maglietta è stata svelata martedì 8 agosto nella sede di Ital Lenti, main sponsor dell’evento, a Puos d’Alpago (Belluno) in occasione della presentazione del Giro, giunto all’edizione numero 23. L’autore del disegno è Luca Stella, giovane e poliedrico artista bellunese. «Fin da piccolo sono sempre stato affascinato dall’idea che nel lago vivesse un drago» ha affermato l’illustratore. «Così ho scelto di raffigurare proprio un draghetto con colori sgargianti e luminosi, in modo da attirare anche i più giovani».

Alla presentazione è stato illustrato il programma del prossimo 20 agosto, programma che presenta la novità importante della passeggiata di 7 chilometri (partenza e arrivo a Puos) che si affiancherà al canonico percorso di 17 chilometri per biker e runner.

«È una richiesta arrivata da diverse famiglie» ha spiegato Ennio Soccal, presidente del Comitato Alpago 2ruote&solidarietà. «Abbiamo deciso di accoglierla con grande piacere anche perché, soprattutto per i bambini, il percorso da 17 chilometri rischiava di essere troppo lungo».
La pedonata prenderà il via alle 10.15, mentre la prova podistica sui 17 chilometri alle 9.30 e la prova riservata ai ciclisti alle 10. Come tradizione non ci saranno classifiche. Al termine, in zona arrivo, per tutti i partecipanti ci sarà la possibilità di pranzare (a cura della Pro Loco di Puos) e di partecipare all’estrazione di numerosi premi a sorteggio. L’ iscrizione costerà 7 euro e andrà a sostenere le attività della “Via di Natale”, la realtà che gestisce la Casa “Via di Natale”, struttura nata per dare assistenza ai malati terminali oncologici del locale “hospice” e ospitalità gratuita ai familiari dei malati ricoverati presso il noto Centro di riferimento oncologico di Aviano (Pordenone) e all’ associazione Cucchini, la realtà bellunese che dal 1989 fornisce, attraverso una estesa rete di volontari, assistenza ai malati gravi ed ai loro familiari.

«Quando si duplicano le esperienze positive, a trarne beneficio è l’intera comunità» ha affermato Antonio Barattin, della Via di Natale. «Siamo felici di questa collaborazione, uniti si cresce» così Vittorio Zampieri, presidente della Cucchini.

Paolo Polzotto, amministratore delegato di Ital Lenti, ha sottolineato l’importanza dei tanti volontari che rendono possibile l’evento (oltre un centinaio), auspicando che la manifestazione possa continuare a crescere.

Al Giro del Lago ci si potrà iscrivere il giorno della gara in zona partenza ma sarà possibile farlo anche nei giorni precedenti: mercoledì 16, giovedì 17, venerdì 18 e sabato 19 dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20 presso la sede del Comitato Alpago 2ruote&solidarietà, allo Sportello dell’Alpago del Centro Servizi per il Volontariato, piazza Papa Luciani, Puos d’Alpago (tel. 0437.454650) e domenica 20 dalle ore 8 e fino a 15 minuti prima dell’inizio della rispettiva partenza (salvo diversa decisione degli organizzatori) davanti alla Casa della Gioventù di Puos d’Alpago.

Per tutte le informazioni è attivo il sito www.2ruotealpago.it.
giro lago 2017 - resentazione 1

giro del lago 2017 - disegno maglietta a cura di LUCA STELLA

45.ma Camignada, vincono Dell’Osta e Serafini

Auronzo di Cadore (Belluno), 6 agosto 2017 – Sono stati 1400 i concorrenti che domenica 6 agosto hanno dato vita alla 45.ma edizione della Camignada poi siè refuge, gara di corsa in montagna proposta dalla sezione di Auronzo del Club Alpino Italiano. Manifestazione storica e dalla suggestione unica su e giù per i sentieri delle Dolomiti Bellunesi: partenza dalle sponde del lago di Misurina, passaggi ai rifugi Auronzo, Lavaredo, Locatelli e Piani di Cengia (da un paio di stagioni non si passa per Comici e Carducci a causa della frana che ha reso impraticabile la Val Giralba) per poi proseguire verso i laghi di Cengia, la Val di Cengia e lo sbocco in Val Marzon, prima di immettersi sulla ciclabile che conduce al traguardo del palaghiaccio di Auronzo: 33,5 chilometri con un dislivello positivo di 1.230 e negativo di 2.120. A mettere d’accordo tutti, il bellunese di Padola di Comelico Superiore, Giorgio Dell’Osta, e la trevigiana di Oderzo, Silvia Serafini. Per entrambi si tratta della prima vittoria. 2h39’46” il tempo di Dell’Osta, 3h0708” quello di Serafini.
La cronaca – Partenza alle 8 da Misurina, con un cielo che, dopo i timori delle ore della vigilia, era favorevole ai concorrenti. Pronti e via e subito erano in due a condurre: Giorgio Dell’Osta e Osvaldo Zanella. Al transito al rifugio Auronzo, ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo, dunque dopo il primo e più importante dislivello di giornata, i due bellunesi avevano già fatto il vuoto. Proseguivano poi insieme, con Zanella che dava l’impressione di essere più brillante: avanti di una ventina di secondi il ragazzo di Laggio, fino a una decina di chilometri dal traguardo, quando la Camignada lasciava i sentieri per immettersi sulla ciclabile. E qui si decideva la gara, con Dell’Osta che nel lungo tratto pianeggiante riusciva a far girare le gambe in maniera efficace e a tagliare il traguardo in 2h39’46”, lasciando Zanella a 4’39”. A completare il podio il trentino Luca Miori, staccato di 9’21”31.
Dominio assoluto di Silvia Serafini nella gara in rosa: la ragazza trevigiana è stata autrice di una gara di spessore, chiudendo in 3h07’08”. La piazza d’onore è andata alla cortinese Monica Gaspari (3h11’40) e il terzo posto alla longaronese Angela De Poi (3h28’58”).
Premiati
Le interviste – «Due anni fa sono arrivato terzo, lo scorso anno secondo e quest’anno ho vinto: davvero una bella progressione!», commenta il vincitore, Giorgio Dell’Osta, ingegnere di Padola di Comelico Superiore. «Nella prima parte di gara ho fatto corsa parallela a Zanella. Una volta arrivati al rifugio Auronzo e resici conto che avevamo fatto il vuoto, abbiamo gestito. Io in discesa ho corso prudentemente, al risparmio. Una volta arrivati sulla ciclabile ne avevo ancora e sono riuscito a tenere un ritmo buono».
«Il secondo posto? Non mi lascia del tutto soddisfatto» commenta Osvaldo Zanella. «Mi manca l’allenamento specifico sulla lunga distanza e nel finale ho pagato».
«Qualche anno fa ero arrivata seconda, oggi ho vinto, sono davvero contenta», commenta la vincitrice tra le ragazze, Silvia Serafini. «Sono contenta perché la Camignada mi mancava nel palmarès e perché ho ottenuto un ottimo riscontro cronometrico: non pensavo di essere così in condizione».
Esordio ok per la Camignada Kids – Buona la prima. Esordio da applausi per la Camignada Kids – Memorial Enrico Vecellio Taiarezze, l’evento dedicato ai più piccoli che sabato 5 agosto attorno al lago di Auronzo è stato il “prologo” della 45.ma edizione della Camignada. Un prologo festoso e colorato, con protagonisti 200 bambini e ragazzi da 0 a 13 anni. Qualcuno già in grado correre forte, qualche altro accompagnato dai genitori: per tutti, una festa, fatta di divertimento, agonismo, sfide con papà e mamma. Per quanto riguarda le note agonistiche, nella categoria 3, quella dei più grandicelli (nati tra il 2006 e i 2004), si sono imposti Alessandro Frescura e Angelica Pais Becher, mentre nella categoria 2 (dal 2011 al 2007) il primo gradino del podio è stata una questione di famiglia: le vittorie sono infatti andate ai fratelli Mirta e Tommaso Gerardini. Per la categoria dei più piccoli, nessun podio: tutti vincitori. E per tutti, di tutte le categorie, al termine è stata comunque festa grande al palaghiaccio: il cappellino griffato Camignada Kids, würstel e patatine. E poi le acrobazie dei giocolieri e la magia dei Dolometti, le sculture in cirmolo che riproducono gli “ometti”, le pile di sassi che in montagna indicano il sentiero. Al palaghiaccio erano infatti presenti gli ideatori dei Dolometti: hanno illustrato la loro attività e fatto vedere ai bambini come nascono i Dolometti e altre realizzazioni in legno.
L’organizzazione – «Mandiamo in archivio un’altra bella edizione della Camignada» commenta Massimo Casagrande, vicepresidente del Cai di Auronzo. «Abbiamo superato quota 1400 iscritti e i commenti che abbiamo raccolto ci paiono positivi. Avevamo qualche timore, visto il maltempo della vigilia che ha causato frane un po’ ovunque. I nostro volontari, però, sono stati un’altra volta grandissimi: sabato mattina erano in Val di Cengia a sistemare i tratti di sentiero rovinati. Sono stati oltre un centinaio i collaboratori. Grazie davvero a tutti, così come all’amministrazione comunale, che ci mette a disposizione le strutture. Peccato per il forte temporale che si è abbattuto sul percorso nel primo pomeriggio» dice ancora Casagrande. «La pioggia comunque non ha creato particolari problemi e tutti hanno completato la prova. Da sottolineare è anche la positiva collaborazione con la Fondazione Dolomiti Unesco (la Camignada di quest’anno aveva come sottotitolo “tra i colori delle Dolomiti Unesco” ndr) e con un’eccellenza del territorio auronzano come l’Istituto Pio XII di Misurina. Un grazie speciale va naturalmente ai concorrenti che, ancora una volta, ci hanno dato fiducia: c’è gente che corre la Camignada da oltre quarant’anni»!


Camignada Kids, buona la prima!

Auronzo di Cadore (Belluno), 5 agosto 2017 – Buona la prima. Esordio da applausi per la Camignada Kids – memorial Enrico Vecellio Taiarezze, l’evento dedicato ai più piccoli che ieri attorno al lago di Auronzo sabato 5 agosto è stato il “prologo” della 45.ma edizione della Camignada. Un prologo festoso e colorato, con protagonisti 200 bambini e ragazzi da 0 a 13 anni. Qualcuno già in grado correre forte, qualche altro accompagnato dai genitori: per tutti, una festa, fatta di divertimento, agonismo, sfide con i coetanei o con papà e mamma.
«È stato un bel successo» commentano Stefano Muzzi e Massimo Casagrande, presidente e vice del Cai di Auronzo, la realtà che da sempre organizza la Camignada. «Abbiamo voluto proporre questo evento perché vogliamo che la Camignada diventi sempre più una manifestazione che unisca le generazioni attraverso lo sport e la montagna. È stato davvero bello vedere tanti giovanissimi al via, qualcuno anche in grado di mettere in difficoltà i genitori in fatto di fiato e gambe»!
Per quanto riguarda le note agonistiche, nella categoria 3, quella dei più grandicelli (nati tra il 2006 e i 2004), si sono imposti Alessandro Frescura e Angelica Pais Becher, mentre nella categoria 2 (dal 2011 al 2007) il primo gradino del podio è stata una questione di famiglia: le vittorie sono infatti andate ai fratelli Mirta e Tommaso Gerardini. Per la categoria dei più piccoli, nessun podio: tutti vincitori. E per tutti, di tutte le categorie, al termine è stata comunque festa grande al pala ghiaccio: il cappellino griffato Camignada Kids, würstel e patatine. E poi le acrobazie dei giocolieri e la magia dei Dolometti, le sculture in cirmolo che riproducono gli “ometti”, le pile di sassi che in montagna indicano il sentiero. Al palaghiaccio erano infatti presenti gli ideatori dei Dolometti: hanno illustrato la loro attività e fatto vedere ai bambini e come nascono i Dolometti e altre realizzazioni in legno.
Il dettaglio dei podi – Categoria 3 (nati dal 2006 al 2004) maschile: 1. Alessandro Frescura; Filippo Doriguzzi; 3. Mattia Doriguzzi.
Categoria 3 (nati dal 2006 al 2004) femminile: 1. Angelica Pais Becher; 2. Caterina Gamba e Greta Amadio.
Categoria 2 (nati dal 2011 al 2007) maschile: 1. Tommaso Gerardini; 2. Bruno Bombassei; 3. Francesco Rampazzo.
Categoria 2 (nati dal 2011 al 2007) femminile: 1. Mirta Gerardini; 2. Anna Basso; 3. Roberta Casagrande.

IMG_7648
IMG_7672
IMG_7746
IMG_7751
IMG_7937

Lo sprint di Enrico Riccobon e i 200 delle gare giovanili: atletica spettacolo a Sedico

Sedico (Belluno), 30 luglio 2017 – Atletica spettacolo doveva essere ed atletica spettacolo è stata: bel pomeriggio, quello di sabato 29 luglio, a Sedico (Belluno) dove per l’organizzazione dell’ Atletica Fiori Barp è andata in scena la terza edizione di Sedico Grand Prix Giovani di corsa su strada per le categorie Esordienti, Ragazzi, Cadetti e Allievi. La manifestazione, svoltasi con partenza e arrivo in Piazza della Vittoria, costituiva il settimo appuntamento del circuito triveneto Grand Prix Giovani 2017 e ha assegnato i titoli di campione provinciale Fidal Belluno per le categorie Ragazzi e Cadetti. Accanto alle corse, c’è stato spazio per il challenger di marcia riservato alla categorie Ragazzi e Cadetti mentre l’intenso programma è stato chiuso dall’americana ad eliminazione che ha visto confrontarsi alcuni tra i più bei nomi del mezzofondo italiano.
Per quanto riguarda le gare giovanili, sono stati 196 i ragazzi protagonisti, provenienti da Veneto e Trentino. Levittorie sono andate a: Laura Mazzoleni Ferracini (Atletica Dolomiti Belluno) e Simone Masetto (Nuova Atletica San Giacomo) tra gli Allievi; Chiara Facchin (La Piave 2000) e Nicolò Bedini (Nuova Atletica 3 Comuni) tra i Cadetti; 8.58; Linda Conchetto (Atletica Murano) e Jacopo De Carli (Us Primiero) nelle categorie Ragazzi; Zoe Dal Cin (Atletica Libertas Vittorio Veneto) e Daniel Tome (Gs Astra Quero) tra gli Esordienti A; Martina
Questi i nuovi campioni provinciali di Fidal Belluno per Ragazzi e Cadetti: Sami Laaziri (Gs Astra Quero) e Arianna Marcer (La Piave 2000) nelle categorie Ragazzi; Enrique Zanin (Athletic club Belluno Firex) e Chiara Facchin (La Piave 2000) nelle categorie Cadetti.

Per quanto riguarda la marcia, i vincitori sono stati Vito Zardini (As Vodo, Cadetti), Marco Bertola (Atletica San Biagio, Ragazzi) e Agnese Zanatta (Atletica Ponzano, Ragazze).

La firma sulla seconda edizione dell’ americana ad eliminazione è stata quella di Enrico Riccobon. Un evento di eccellenza assoluta, quello andato in scena a Sedico, che ha visto confrontarsi alcuni dei giovani emergenti del mezzofondo italiano, qualcuno reduci dai Campionati europei Under 23 di Bydgoszcz (Polonia). 10 giri, nei quali ad ogni tornata veniva eliminato l’ultimo: alla fine i cinque “superstiti” si giocavano in un unico giro la vittoria. A mettere tutti d’accordo, con un rush impressionante, è stato Riccobon, reduce da una partecipazione sfortunata (eliminato in batteria) sui 1500 agli Europei. «Vittoria inaspettata» commenta il campione italiano Promesse sui 1500. «Non stavo granché bene ma, si sa, in gara cambia tutto. Ad ogni giro c’era una volata pazzesca e alla fine sono riuscito a mettere dietro tutti. Ora mi attende un periodo di preparazione in altura al Sestriere: a settembre voglio migliorare tutti i miei personali». Riccobon nello sprint finale ha preceduto nell’ordine, Yassine Bouih, Lorenzo Pilati, Stefano Ghenda e Nekagenet Crippa.
GPG Sedico 29.07.2017 - la gara Cadetti
GPG Sedico 29.07.2017 - la vittoria di Enrico Riccobon
una partenza
Allieve – Ordine d’Arrivo

Allievi – Ordine d’Arrivo

Cadette – Ordine d’Arrivo

Cadetti – Ordine d’Arrivo

Esordienti A Femminile – Ordine d’Arrivo

Esordienti A Maschile – Ordine d’Arrivo

Esordienti BC Femminile – Ordine d’Arrivo

Esordienti BC Maschile – Ordine d’Arrivo
Ragazze – Ordine d’Arrivo

Ragazzi – Ordine d’Arrivoh


Atletica spettacolo a Sedico con il Gpg

Sedico (Belluno), 26 luglio 2017 – Atletica spettacolo a Sedico: è la proposta, per sabato 29 luglio, dell’ Atletica Fiori Barp, storico sodalizio bellunese da sempre impegnato nello sport giovanile. E proprio i ragazzi saranno i protagonisti principali della giornata: per loro in programma c’è la terza edizione di Sedico Grand Prix Giovani, corsa su strada, con partenza e arrivo in Piazza della Vittoria, per le categorie Esordienti, Ragazzi, Cadetti e Allievi. La manifestazione, che prenderà il via alle 16.10, costituirà il settimo appuntamento del circuito triveneto Grand Prix Giovani 2017 e metterà in palio, per le categorie Ragazzi e Cadetti, i titoli di campione provinciale Fidal di corsa su strada. Accanto alle corse, ci sarà spazio anche per il challenger di marcia (il via alle 18.15), riservato alla categorie Ragazzi e Cadetti.

Le gare del Grand Prix costituiranno la prima parte di un lungo pomeriggio. Dopo le prove dei giovani, infatti, ci sarà spazio per il Mini trail del Castelliere, corsa non competitiva aperta a tutti. Il via è previsto per le 19.30. Le iscrizioni si ricevono in zona partenza (piazza della Vittoria) fino alle 19.15.

La giornata sarà conclusa da un evento spettacolare e di alto livello: l’ americana ad eliminazione (gara ad invito) che vedrà al via alcuni atleti azzurri di eccellenza assoluta tra i quali alcuni giovani emergenti del mezzofondo reduci dai Campionati europei Under 23 di Bydgoszcz (Polonia). A cominciare da Ahmed Abdelwahed, il romano di origini egiziane che alla rassegna continentale ha conquistato la medaglia d’argento sui 3 mila siepi. A confrontarsi con Abdelwahed sul tracciato di 570 metri (partenza arrivo in piazza della Vittoria, eliminazione dell’ultimo concorrente a transitare ad ogni giro), ci saranno tra gli altri, ci saranno il bellunese Enrico Riccobon, campione italiano Under 23 sui 1500 e bronzo assoluto sugli 800, il lombardo Mattia Padovani, il mezzofondista e crossista azzurro del cross di origine marocchina Najibe Marco Salami, campione italiano in carica sui 5 mila metri. La partenza dell’americana è fissata per le 21.


Ecco le prove percorso per la Transpelmo: 23 luglio e 5 agosto

Val di Zoldo (Belluno), 18 luglio 2017 – Come già per i passato, anche quest’anno la Transpelmo, evento podistico che si svolgerà domenica 3 settembre sul collaudato tracciato attorno al Pelmo, con partenza a arrivo a Palafavera (Val di Zoldo – Belluno) proporrà due allenamenti collettivi per coloro che volessero provare il percorso in vista della gara.

Si tratta di due uscite nelle quali i runner saranno accompagnati da atleti esperti che conoscono bene la zona nella quale si svolge la manifestazione del 3 settembre e che faranno il passo: il ritmo di percorrenza sarà leggero (corsa blanda su terreno con poca pendenza e in discesa, passo veloce su pendenza più elevata). In base alla adesioni si formerà eventualmente anche un gruppo per chi vorrà fare un allenamento a un ritmo più sostenuto.
L’uscita collettiva è completamente gratuita. Per parteciparvi basterà presentarsi al luogo di ritrovo, vale a dire Palafavera.
Ogni partecipante sarà consapevole delle difficoltà del percorso e del proprio grado di allenamento ed sarà responsabile dei rischi a cui si espone e dovrà, inoltre, compiere l’uscita in autosufficienza e secondo le proprie capacità.

La prima uscita è prevista per domenica prossima, 23 luglio. La seconda si svolgerà invece sabato 5 agosto. In entrambe le giornate la partenza è fissata per le 9.

Per tutti i dettagli: www.transpelmo.com.