Con Alpago Sky Super 3 sarà sfida di alto livello sui sentieri del Monte Venal

Chies d’Alpago (Belluno), 6 agosto 2020 – Sarà una Alpago Sky Super 3 di alto livello quella che andrà in scena domenica, 9 agosto, a Chies d’Alpago. La starting list ha preso forma e tra gli iscritti ci sono alcuni bei nomi del correre in montagna e dello sci alpinismo: da Dimitra Theocharis a William Boffelli, da Martina De Silvestro ad, Alex Oberbacher, dall’eclettica Martina Valmassoi al giovanissimo Mattia Tanara. La sfida dell’evento che ricorda  Andrea Zanon, David Cecchin e Maudi De March, i tre ragazzi del Soccorso alpino caduti sul Monte Cridola nell’estate del 2012, andrà in scena su un tracciato leggermente ritoccato rispetto al passato: 20,7 chilometri di sviluppo (1,9 in più rispetto al passato) e 1.950 metri di dislivello positivo (100 in più). Il “tetto” della corsa sarà il Monte Venal, con i suoi 2.212 metri di altitudine e alcun passaggi, sia in salita sia in discesa, di particolare difficoltà tecnica. Ci saranno cinque partenze scaglionate, ognuna con 50 atleti, in modo da garantire il distanziamento fisico richiesto dalle normative anti Covi-19. Il primo “start” verrà dato alle 8.40, l’ultimo alle 9.

Accanto alla sky race, l’evento alpagoto, che in Scarpa il main sponsor, propone anche la Mini Sky Race: in questo caso i chilometri da percorrere saranno 10 e i metri di dislivello 650. Partenza scaglionate: dalle 9.15 alle 9.30.

Per entrambe le prove, il ritiro dei pettorali è previsto domenica mattina dalle 7 a Lamosano. Le premiazioni, in piazza Roma a Lamosano, avverranno a partire dalle 13.

Per informazioni ulteriori e iscrizioni dell’ultim’ora (possibili fino a sabato 8 per la Sky Race e fino a venerdì 7 per la Mini Sky Race): www.dolomitiski-alp.com


Valentino Villanova disegna la maglietta del Giro del Lago 2020

Alpago (Belluno), 5 agosto 2020 – Come annunciato nei giorni scorsi, il Giro del Lago di Santa Croce quest’anno non si disputerà ma il comitato 2 Ruote Alpago & Solidarietà, organizzatore dell’evento, continuerà a sostenere le due realtà che supporta da tempo, vale a dire l’associazione pordenonese Via di Natale e l’associazione Cucchini di Belluno, due realtà che sono un punto di riferimento nell’assistenza ai malati oncologici e ai loro familiari.

Uno dei modi che il comitato propone agli amici del Giro, vecchi e nuovi, è quello di fare una donazione, fino al 30 settembre, sulla piattaforma www.produzionidalbasso.com, alla pagina “Sosteniamo la Via di Natale e l’Associazione Cucchini” (https://www.produzionidalbasso.com/project/sosteniamo-la-via-di-natale-e-l-associazione-cucchini/).

In essa è è possibile anche acquistare la maglietta – gadget che il Giro riserva a ogni concorrente a partire dal 2005 e che quest’anno è stata disegnata dall’artista padovano Valentino Villanova.

«Mi è stato proposto di realizzare l’illustrazione per la maglietta del Giro del Lago di Santa Croce edizione 2020 ed ho accettato con grande entusiasmo, soprattutto per l’affetto che mi lega all’Alpago, con il suo incantevole lago, la foresta del Cansiglio e gli splendidi e mutevoli paesaggi che fin da bambino ho frequentato e ne ho goduto» spiega Villanova. «Questa edizione è particolare, come del resto quest’anno, e non si correrà ma tutti insieme si continuerà a raccogliere fondi per sostenere l’associazione “Via di Natale” di Aviano e l’Associazione “Cucchini” di Belluno. Il Covid19 ha rallentato ma non fermato questo movimento. Questi presupposti sono stati essenziali per la realizzazione dell’opera. Ho preso in prestito qualche animaletto del vicino Cansiglio, in modo da rendere più simpatico e appetitoso per i bambini il disegno: il cervo diventa un biker, un volpacchiotto un runner e uno scoiattolo un pattinatore. Tutti insieme, come una vera e propria squadra, inseguono e scacciano un coronavirus a cui non resta che uscire, sofferente, dall’inquadratura».

«Da notare come ogni personaggio sfrutta le sue abilità e caratteristiche: lo scoiattolo seppur piccolo, tende dal basso l’elastico della fionda, legato a sua volta ai palchi del cervo. La volpe a sua volta spicca un salto con un retino in mano per cercare di catturare il virus» dice ancora Villanova. «Un bel gioco di squadra che sembra promettere bene! Sullo sfondo il profilo inconfondibile dei monti che si vedono dalla spiaggia del lago e una strada dorata che costeggia il lago e che porta, percorrendola, ad un futuro sempre più luminoso. E spero con tutto il cuore che sia di buon augurio»!

La maglietta è acquistabile per tutto il mese di agosto anche presso la sede del comitato, in piazza papa Luciani a Puos d’Alpago, il venerdì dalle 17.30 alle 20.30 e il sabato dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 20.30.

Come tradizione, il comitato 2 Ruote Alpago & Solidarietà propone una mostra dedicata all’artista autore della maglietta. L’esposizione di diverse tavole di Valentino Villanova è visitabile per tutto il mese di agosto alla sede municipale, a Pieve d’Alpago, durante gli orari di apertura degli uffici.

Per ulteriori informazioni sull’artista autore della maglietta: http://www.2ruotealpago.it/giro-del-lago/le-edizioni/edizione-2020/la-maglietta

Per approfondimenti sul Giro del Lago di Santa Croce: www.2ruotealpago.it e www.facebook.com/girodellagodisantacroce/.


Il Giro del Lago 2020 si ferma. La solidarietà no

Alpago (Belluno), 28 luglio 2020 – Il Giro del Lago di Santa Croce in questo 2020 non si disputerà, causa la nota situazione legata all’emergenza sanitaria Covid-19. Ma il Comitato Alpago 2 Ruote & Solidarietà, realtà che organizza l’evento solidaristico, non si ferma. Non si ferma perché la solidarietà, l’attenzione verso chi soffre, non va in “lockdown”.

Così, anche se il prossimo 16 agosto, data fissata per la 26.a edizione, non ci saranno (come ci furono nell’agosto del 2019) oltre 5 mila persone a pedalare, correre e camminare attorno al Lago di Santa Croce (Belluno), il Comitato Alpago 2 Ruote & Solidarietà sarà ugualmente al fianco delle due realtà che supporta da tempo, vale a dire l’associazione pordenonese “Via di Natale” e l’associazione Cucchini di Belluno, due realtà che sono un punto di riferimento nell’assistenza ai malati oncologici e ai loro familiari.

Come? Attraverso una raccolta fondi sulla piattaforma www.produzionidalbasso.com, dall’1 agosto al 30 settembre prossimi. Sulla pagina “Sosteniamo la Via di Natale e l’Associazione Cucchini” (https://www.produzionidalbasso.com/project/sosteniamo-la-via-di-natale-e-l-associazione-cucchini/)

sarà possibile fare delle donazioni, che partono dalla quota base di 7 euro per arrivare a quote maggiori che comprendono l’acquisto e la spedizione di una o più magliette, gadget che accompagna il Giro dal 2005 e che quest’anno è stata disegnata dall’artista padovano Valentino Villanova.

Iscrizione e acquisto della maglietta saranno possibili, a partire dal 7 agosto, anche alla sede del Comitato Alpago 2 Ruote & Solidarietà, presso lo sportello del Centro Servizi per il volontariato in piazza papa Luciani a Puos d’Alpago.

«I mesi difficili che abbiamo vissuto e stiamo vivendo hanno colpito tutti ma, in particolare, stanno colpendo quelle realtà di volontariato che, come la Via di Natale e l’Associazione Cucchini, vivono esclusivamente di donazioni» ha detto Ennio Soccal, presidente del Comitato Alpago 2 Ruote & Solidarietà, durante la presentazione dell’iniziativa, avvenuta nella mattinata di martedì 28 luglio alla Sala Affreschi della Provincia di Belluno. «Con questa raccolta fondi vogliamo continuare a fare sì, come facciamo dal 1995, che le persone malate di cancro continuino ad avere quei servizi che le aiutano ad avere una migliore qualità di vita, vogliamo continuare a dare assistenza ad ognuno. Chiediamo perciò a tutti coloro che hanno partecipato al Giro negli anni scorsi di essere con noi anche in questo 2020: attraverso una piccola donazione, possiamo dare un grande aiuto a chi, come la Via di Natale e l’Associazione Cucchini, dà una mano a chi soffre».

Nelle prossime settimane, a cura del Comitato Alpago 2 Ruote & Solidarietà si svolgerà anche la presentazione del libro realizzato in occasione dei 25 anni dell’evento e sarà allestita una mostra dedicata all’artista Valentino Villanova,  autore della maglietta 2020 del Giro

Per approfondimenti sul Giro del Lago di Santa Croce: www.2ruotealpago.it e www.facebook.com/girodellagodisantacroce/.


Con Salomon, Transpelmo 2020 è Golden Segment

Val di Zoldo (Belluno), 25 luglio 2020 – La Transpelmo, evento di trail running che si svolge in Val di Zoldo (Belluno) e che era in programma il 6 settembre, quest’anno a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid -19 si svolgerà solamente in modalità individuale, attraverso l’iniziativa che abbina reale e virtuale (utilizzando Strava) presentata nelle settimane scorse, denominata Transpelmo 2020 Challenge & Emotion.
Iniziativa che ora si arricchisce di un notevole motivo di interesse: il percorso Classic (il tracciato tradizionale della Transpelmo, 16 chilometri di sviluppo e 1300 metri di dislivello positivo attorno al Pelmo, con partenza e arrivo a Palafavèra) è stato infatti inserito tra i Golden Segment che consentiranno, ai due vincitori, di partecipare gratuitamente al Golden Trail Championship proposti da Salomon alla Azzorre dal 29 ottobre all’1 novembre.
Percorrendo il Classic, a livello individuale e seguendo il segmento Strava, si possono vincere due “Golden ticket”: uno per la miglior donna e uno per il miglior uomo che completeranno il segmento entro l’1 ottobre prossimo. Il Golden ticket è un biglietto che garantisce al runner vincitore il pettorale gratuito, voli, alloggio e pasti in un hotel convenzionato con l’organizzazione in occasione della Golden Trail Championship, evento che si articolerà su quattro tappe:  Tappa 1: 26km/ D+ 1069m D- 1098m (Isola di Faial); Tappa 2: 32km / D+ 1343m D- 1310m (Isola di Faial); Tappa 3: 32km / D+ 2364m D- 1137m (Isola di Pico); Tappa 4: 36km / D+ 1453m D- 1518m (Isola di Faial)
Al termine dei quattro giorni, verrà stilata una classifica generale a tempo oltre ad altre classifiche come quella del miglior scalatore (su una sola salita specifica), miglior discesista (su una sola discesa specifica) e miglior velocista (sui primi 2 km).
 
Per tutte le informazioni sul Golden Trail Championship: www.goldentrailseries.com/it/gtwc-rules/

Per il dettaglio sul tracciato Transpelmo: www.transpelmo.com


Alpago Sky Super 3 non si ferma: appuntamento domenica 9 agosto

Chies d’Alpago (Belluno), 22 luglio 2020 – Alpago Sky Super 3 non si ferma. La sky race che a Chies d’Alpago (Belluno) vuole onorare la memoria di Andrea Zanon, David Cecchin e Maudi De March, i tre ragazzi del Soccorso Alpino caduti sul Monte Cridola nell’estate del 2012, si svolgerà domenica 9 agosto.

Sarà un’edizione diversa dalle sette fin qui disputate, in quanto dovrà fare i conti con le limitazioni relative al contenimento dell’emergenza Covid-19, ma si farà. E sarà, oltre che un evento dai contenuti tecnici importanti, anche un segnale di ripartenza dopo i tanti mesi di stop causa coronavirus.

Appuntamento dunque per domenica 9 agosto con i due tradizionali tracciati che ricalcheranno i percorsi classici, pur se con un paio di modifiche che riguarderanno la zona di partenza e di arrivo.

Il percorso Sky Race sarà di 20.7 chilometri di sviluppo (1.9 in più rispetto al passato) e 1.950 metri di dislivello positivo (100 in più): la partenza avverrà da Lamosano (località “Pesòrt”, campo erbato aperto, 640 metri di altitudine) e i concorrenti dovranno subito salire, continuando poi fino a raggiungere i 2.212 metri di altitudine del Monte Venal, “tetto” della gara. Da qui, lunga e tecnica discesa fino a tornare a Lamosano dove il traguardo sarà posto in piazza Roma (gli altri anni era invece a Chies). Il numero massimo di concorrenti è fissato a 250. Non ci sarà una partenza unica, bensì quattro partenze scaglionate, ognuna con 50 atleti, in modo da garantire il distanziamento fisico. La prima partenza verrà data alle 8.40, l’ultima alle 9.

Anche per la Mini Sky 3 partenza e arrivo sono posti a Lamosano: la prova si svolgerà su un tracciato di 10 chilometri e 650 metri di dislivello. Pure in questo caso sono stati fissati un limite massimo di partecipanti (200) e partenza scaglionate (dalle 9.15 alle 9.30).

Le iscrizioni alla Sky race sono possibili esclusivamente sul sito della manifestazione www.dolomitiski-alp.com. Saranno a prezzo agevolato di 25 euro fino a domenica 2 agosto. Dal 4 fino all’8 agosto  il costo passerà a 35 euro. Per la Mini Sky Race le iscrizioni, possibili anche in questo caso esclusivamente sul sito www.dolomitiski-alp.com, saranno aperte fino al 7 agosto, al costo di 10 euro.

Per entrambe le prove il ritiro dei pettorali verrà fatto domenica mattina dalle 7 a Lamosano, con recupero in autonomia della propria sacca numerata e segnalazione dell’effettuato ritiro al comitato organizzatore.

Le premiazioni, in Piazza Roma a Lamosano, avranno luogo a partire dalle 13.

L’organizzazione di Alpago Sky Super 3 oltre che lavorare all’edizione 2020 sta lavorando anche al 2021: in cantiere una corsa aperta a tutti su un tracciato ridotto di 5 chilometri.

Per tutti i dettagli: www.dolomitiski-alp.com.


La Transpelmo 2020 è annullata ma … si fa in tre

Val di Zoldo (Belluno), 30 giugno 2020 – Nei giorni scorsi il comitato organizzatore della Transpelmo, evento di trail running che si svolge in Val di Zoldo (Belluno), ha comunicato che, a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19, l’evento 2020, previsto per il 6 settembre, è annullato. L’estate però non passerà senza Transpelmo. Lo staff guidato da Andrea Cero ed Eris Costa proporrà infatti Transpelmo 2020 Challenge & Emotion. Si tratta di un’iniziativa che abbina reale e virtuale e che permetterà ai partecipanti di vivere fatica ed emozioni sui sentieri della Val di Zoldo. Come? «Correndo attorno al Pelmo nel periodo dal 15 luglio al 6 settembre, nella giornata e nell’orario che ognuno preferirà» spiegano i due organizzatori. «Si potrà partecipare in modalità Challenge, utilizzando Strava e confrontandosi con gli altri runner – alla fine ci sarà una classifica virtuale – oppure in modalità Emotion, scaricando il gpx e il Road Book dal sito www.transpelmo.com e assaporando i percorsi con maggiore tranquillità, al ritmo che ognuno preferisce e senza classifiche di alcun genere. Per entrambe le modalità di partecipazione invitiamo i runner a scattare delle foto o realizzare dei brevi video e a condividerli poi su Instagram o Facebook, con l’hastagh #transpelmo e #transpelmoinfinity: non ci saranno premi, lo scopo di questo “contest” di immagini è quello di condividere emozioni in attesa di poterle rivivere insieme il 5 settembre del 2021».

Per questo 2020 dedicato a Challenge & Emotion, il comitato organizzatore della Transpelmo, in sinergia con il main sponsor Salomon, ha pensato a tre percorsi, tutti con partenza e arrivo allo stadio del biathlon di Palafavèra. «In quest’ anno pazzo proponiamo una pazzia» spiegano ancora Andrea Cero ed Eris Costa. «Accanto al percorso tradizionale attorno al Pelmo, 16 chilometri di sviluppo e 1300 metri di dislivello positivo che abbiamo chiamato Classic, proponiamo un percorso Reloaded di 13 chilometri di sviluppo e 1200 metri di dislivello positivo che segue il sentiero Tivàn, ai piedi del Monte Civetta, sentiero che presenta dei tratti parecchio tecnici, con alcuni passaggi attrezzati.  Infine, il terzo e più impegnativo tracciato, l’Infinity, 30 chilometri di sviluppo e 2500 metri di dislivello dati dalla somma di Classic e Reloaded».

Tutti i percorsi sono da percorrere in completa autosufficienza e non ci sarà nessun balisaggio né alcun tipo di assistenza. Le tracce gps e i road book messi a disposizione sono solo indicativi, e ogni persona prima di intraprendere un’uscita deve documentarsi in modo esaustivo per proprio conto sui sentieri da percorrere, sulle difficoltà e l’agibilità dei percorsi. Ogni dettaglio sarà reso noto entro il 15 luglio sul sito www.transpelmo.com e attraverso i canali social Facebook e Instagram.

«Quest’anno, è vero, la competizione vera e propria non ci sarà ma crediamo che molti partecipino alla gara per vivere, come dice il nostro slogan, “emozioni sempre nuove” date dai paesaggi ma anche dalla  condivisione dell’avventura con altre persone» concludono Cero e Costa. «Ecco, riteniamo che in questo periodo particolare che stiamo vivendo, sia molto importante condividere esperienze intense, anche se solo virtualmente. Ci siamo attivati con questa iniziativa che abbina reale e virtuale e che ci vuole fare sentire più vivi e vicini che mai. Stiamo studiando anche un evento per il 6 settembre, data nella quale la Transpelmo 2020 avrebbe dovuto svolgersi, evento che speriamo di concretizzare. In attesa, naturalmente, di tornare a rivederci numerosi per la Transpelmo della tradizione nel 2021».


Dall’1 luglio al 15 settembre il Brevetto Transcivetta Karpos 2020

Alleghe (Belluno), 22 giugno 2020 – L’appuntamento con la quarantesima edizione della Transcivetta Karpos è rinviato, causa l’emergenza sanitaria legata al Covid-19, al 18 luglio 2021. Ma il comitato organizzatore della Transcivetta Karpos non farà passare l’estate 2020 senza la possibilità di correre lungo gli spettacolari 23 chilometri che uniscono Listolade ai Piani di Pezzè di Alleghe. Nn si potrà gareggiare ma si potrà ugualmente vivere la propria passione per la montagna e per la corsa (o la camminata) percorrendo, in coppia, il tracciato della Transcivetta. «Ogni coppia potrà percorrere il tracciato da Listolade ai Piani di Pezzè di Alleghe nel giorno e negli orari che si preferisce» spiegano Egidio Ganz ed Erminio Ferretto, del comitato organizzatore. «La partecipazione è gratuita e semplice: dall’1 luglio al 15 settembre sarà possibile ritirare presso l’agriturismo Val Corpassa di Listolade epresso l’ufficio turistico di Alleghe, oppure scaricare dal sito web della manifestazione, www.transcivetta.com, un modulo di partecipazione sul quale verranno poi apposti i timbri che attestano il passaggio ai quattro rifugi posti lungo il percorso, vale a dire Capanna Trieste, Vazzoler, Tissi e Coldai. All’arrivo ai Piani di Pezzè, presso il rifugio Grande Baita Civetta, verrà consegnato il diploma finale di partecipazione». Al termine della stagione estiva, sul sito internet www.transcivetta.com  verrà pubblicato l’elenco delle coppie che hanno partecipato al Brevetto Transcivetta.

«Non si tratta di una gara bensì di un’occasione per vivere la Transcivetta anche in questo 2020 nel quale la Transcivetta non si disputerà» dicono ancora Ganz e Ferretto. «Il Brevetto Transcivetta Karpos vuole essere un’occasione per visitare i rifugi, e gustare il fascino di vivere una giornata di sport “slow” e a contatto con la natura. Sarà interessante verificare a metà settembre – è un po’ la nostra scommessa, il nostro auspicio – quante delle mille coppie che solitamente partecipano alla gara sceglieranno comunque di lasciarsi abbracciare dal fascino delle Dolomiti Agordine e dal monte Civetta. In attesa, naturalmente, di averle al via il 18 luglio del 2021, anno di una quarantesima edizione che avrà il sapore della rinascita».


Rinvio al 2021 per la Camignada

       

Auronzo di Cadore (Belluno), 6 giugno 2020 –  Anche la Camignada poi siè refuge, storico evento della corsa in montagna proposto dalla sezione di Auronzo del Club Alpino Italiano, decide di fermarsi e rinunciare all’edizione 2020.

«Causa emergenza Covid-19, siamo costretti a rinunciare all’edizione 2020 della Camignada» dice il presidente del Cai di Auronzo, Stefano Muzzi. «Come tutte le organizzazioni sportive, ci siamo trovati e ci troviamo di fronte a una situazione senza precedenti. Nelle settimane scorse abbiamo sospeso le iscrizioni e ci siamo presi un periodo di riflessione per valutare al meglio ogni aspetto legato alla Camignada, in relazione all’evolversi della situazione sanitaria e delle normative.

Una manifestazione come quella che proponiamo da quasi mezzo secolo, con oltre un migliaio di partecipanti e centinaia di volontari lungo il percorso, una festa della montagna prima ancora di una gara, non permette di garantire gli standard di sicurezza richiesti. La decisione che abbiamo assunto, pur dolorosa, crediamo sia la scelta più responsabile per assicurare la sicurezza di partecipanti e staff organizzativo. Vivere la montagna, del resto, significa a volte anche saper rinunciare a proseguire verso la vetta».

«Diamo dunque l’arrivederci al prossimo anno» dice ancora Muzzi. «L’appuntamento è per domenica 1 agosto 2021, per una giornata alla quale abbiamo già iniziato a lavorare e che vogliamo rappresenti un qualcosa di speciale, per ogni concorrente e per la storia della Camignada. Segnaliamo che i concorrenti che si fossero già iscritti all’edizione 2020 hanno due possibilità: confermare l’adesione per l’edizione 2021 oppure richiedere il rimborso integrale della quota».


La Transpelmo dà appuntamento al 2021

Val di Zoldo (Belluno), 4 giugno 2020 – L’edizione 2020 della Transpelmo, gara di trailrunning che si sarebbe dovuta svolgere il 6 settembre sui sentieri della Val di Zoldo (Belluno), è annullata.

Il comitato organizzatore ha valutato attentamente ogni possibilità, ritenendo che non sussistano le condizioni per organizzare l’evento. «A malincuore, dobbiamo rinunciare all’edizione 2020 della Transpelmo» spiegano Andrea Cero ed Eris Costa, coordinatori dello staff organizzativo della manifestazione nata nel 2008 che si svolge lungo i sentieri attorno al Monte Pelmo, una delle vette iconiche delle Dolomiti. «L’emergenza Covid 19 ci ha messo di fronte a una situazione senza precedenti. Dopo aver atteso l’evolversi del quadro sanitario e normativo, considerata la rigidità degli standard di sicurezza richiesti ed esplorato ogni possibilità per evitare l’annullamento, siamo arrivati alla decisione di rinviare al prossimo anno. Si tratta di una scelta molto sofferta ma crediamo che questa sia la soluzione più responsabile nei confronti di concorrenti – oltre 800 nell’edizione dello scorso anno – e di volontari – oltre duecento».

«Diamo appuntamento al 5 settembre 2021, nella convinzione che la nostra scelta sia capita e con l’auspicio che i tanti concorrenti che in questi anni ci hanno dato fiducia possano essere con noi anche il prossimo anno, per un’edizione che vogliamo più coinvolgente che mai» dicono ancora Cero e Costa. «Per l’estate ormai imminente non ci sarà la Transpelmo ma non vogliamo comunque rimanere fermi: stiamo mettendo a punto, insieme al nostro mani sponsor Salomon, alcune iniziative per far vivere agli appassionati del trail, anche se in maniera diversa dal solito, le nostre belle montagne».


Giovanni Franzoni, talento azzurro dello sci alpino, si affida alla FA Consulting

Manerba del Garda (Brescia), 13 maggio 2020 – Giovanni Franzoni, uno dei giovani più interessanti nel panorama italiano dello sci alpino, si è affidato a FA CONSULTING di Flavio Alberti per la gestione e la promozione della sua immagine. Franzoni, diciannove anni compiuti lo scorso 30 marzo, portacolori del Gruppo sciatori Fiamme Gialle, protagonista ai Mondiali Juniores la scorsa stagione (5. nel superG) e azzurro di Coppa Europa nella prossima, ha firmato un contratto biennale con l’azienda veneta che nel mondo dello sci alpino già lavora con un azzurro di Coppa del mondo.

«Il progetto di Flavio Alberti mi è parso da subito valido e sono felice di aver stretto un accordo per le prossime due stagioni con un professionista che conosce a fondo il mondo dello sci alpino» dice Giovanni Franzoni. «Marketing e comunicazione sono parte integrante dello sport moderno ed è importante dunque avere qualcuno che indirizzi e supporti l’atleta».

«In attesa di tornare sulla neve, in questo periodo lavoro a casa insieme a mio fratello Alessandro, con allenamenti in bicicletta, esercizi e corpo libero e palestra» dice ancora l’atleta di Manerba del Garda. «Per la prossima stagione l’obiettivo è fare bene in Coppa Europa (nel circuito continentale Giovanni ha già fatto alcune ottime apparizioni nella scorsa stagione, chiudendo 4.nella classifica finale di combinata alpina e 14.mo nella classifica finale di superG ndr), cercando di crescere in particolare nello slalom, l’ambito nel quale al momento faccio più fatica».

«Giovanni è un ragazzo di talento: lo scorso anno, ai campionati italiani assoluti di Cortina, vidi da vicino la sua gara di gigante, rimanendo impressionato non solo dal suo piazzamento, ottavo al cospetto di atleti molto più esperti di lui, ma anche anche dall’approccio alla gara, condotta senza alcun timore reverenziale» sottolinea Flavio Alberti. «Ho poi approfondito la sua conoscenza, trovando in lui un atleta professionale e determinato, sostenuto da valori solidi e da una famiglia attenta, fattori che ritengo importanti per la carriera di un atleta. Il mio obiettivo è seguirlo in tutti gli ambiti manageriali che esulano da quelli nei quali l’atleta deve concentrarsi, dai rapporti con gli sponsor alla gestione della parte contrattualistica e legale, alla gestione della comunicazione, permettendogli così di concentrarsi al cento per cento sull’attività sportiva ed esprimere al meglio il suo grande talento».
da sx Giovanni FRANZONI e Flavio ALBERTI